free vax Pesaro
|

Pesaro, il raduno dei free-vax rende felici gli albergatori (e il sindaco PD ingoia il boccone amaro)

La manifestazione free-vax Pesaro, prevista per sabato 8 luglio, che avrà tra i protagonisti Gianluigi Paragone, il cantante Povia, il giudice Ferdinando Imposimato e Diego Fusaro, rischia di trasformarsi in un grosso affare per le strutture alberghiere della zona. Gli organizzatori, inizialmente, avevano previsto un afflusso di circa 2500 persone (di qui la scelta del Parco Miralfiori come sede del raduno), ma il tam-tam sui social network ha fatto schizzare in alto le cifre.

LEGGI ANCHE > Free Vax attese oltre 10mila persone al raduno di Pesaro

FREE VAX PESARO, GLI ALBERGATORI ESULTANO

Si attendono più di 10mila persone alla manifestazione per ricordare le vittime dei vaccini e per offrire un punto di vista sulla questione diverso rispetto alla direzione presa dal governo con il ddl Lorenzin. E gli albergatori sono già pronti al tutto esaurito. Certo, in concomitanza con l’evento di Pesaro, c’è anche la Notte Rosa sulla riviera adriatica, ma le prenotazioni che hanno riempito le strutture ricettive hanno un target, per così dire, maggiormente free-vax: «Per la notte dell’8 luglio siamo prenotati da tempo – riferiscono alcuni albergatori – e ospiteremo soprattutto famiglie con due o tre bambini, in camere con cinque letti».

E ancora, campeggi e strutture che ospitano tende e camper saranno presi d’assalto. Insomma, un flusso davvero imponente che conferma le cifre che, in queste ultime ore, si stanno configurando. Le presenze previste alla manifestazione, nella giornata di ieri, avevano portato il sindaco di Pesaro Matteo Ricci, la Questura e le altre autorità competenti a ipotizzare una nuova location per accogliere i free-vax. A proposito del sindaco del Partito Democratico, poi, da sempre favorevole all’obbligo di vaccinazione, quest’ultimo è costretto a fare buon viso a cattivo gioco, visto l’entusiasmo con cui i suoi cittadini stanno accogliendo la manifestazione.

FREE VAX PESARO, CONFERMATO IL PARCO MIRALFIORE

Alla fine, è arrivata anche la fumata bianca per il Parco Miralfiore. Inizialmente, infatti, era stato concesso per un afflusso previsto di 2500 unità, mentre le maggiori presenze avrebbero imposto una soluzione diversa, come l’Adriatic Arena. Ieri, dopo la riunione delle istituzioni, si è scelto di confermare il Miralfiore: «Siamo soddisfatti della scelta – ha detto il presidente di Auret (Autismo, ricerca e terapie) Roberto Mastalia, tra gli organizzatori della manifestazione -: il Parco Miralfiore è il posto migliore dal punto di vista dell’ordine pubblico».