popolazione inattiva italia
|

Siamo la popolazione più inattiva d’Europa

Italiani, popolo di santi, eroi e inattivi. A dirlo è l’Eurostat dimostrando, dati alla mano, l’altissima percentuale di persone al di fuori del mercato del lavoro, né impiegate, né disoccupate.

popolazione inattiva italia

L’anno scorso, 89 milioni di persone di età compresa tra i 15 ei 64 anni sono state economicamente inattive nell’Unione europea (UE). In altre parole, poco più di un quarto (circa il 27,1%) della popolazione dell’UE, di età compresa tra i 15 e i 64 anni, era al di fuori del mercato del lavoro, senza un impiego. Questa quota comprende le persone che erano in formazione (il 35% delle persone inattive), in pensione (16%), affette da gravi malattie o disabilità (16%), e anche coloro che si occupano di bambini o disabili (10%) . Le donne costituiscono la maggioranza di questo gruppo (il 60%). Complessivamente, quasi 8 persone su 10 degli inattivi, il 78%, ha dichiarato di non voler lavorare.

Il livello di istruzione sembrava svolgere un ruolo – spiega Eurostat – in quanto la percentuale di persone inattive nell’UE scende se i livelli di istruzione nel Paese aumentano.

Nel corso del 2016 quasi la metà (circa il 47%) di persone inattive di età compresa tra i 15 e i 64 anni aveva un livello di istruzione scarsamente bassa, questa quota scende al 24% per coloro che hanno un livello medio di istruzione e si abbassa al 12%
per chi ha un’istruzione superiore. Il più alto numero di inattivi – spiega l’indagine – si trova in Italia. Il più basso? In Svezia.

L’Italia (35,1%) ha registrato la più alta percentuale di persone al di fuori del mercato del lavoro. Seguono Croazia e Romania (entrambi 34,4%), Belgio (32,4%) e Grecia (31,8%)

La quota più bassa è stata registrata in Svezia (17,9%), davanti alla Danimarca (20,0%) e ai Paesi Bassi (20,3%). Va notato che la percentuale di persone economicamente inattive è più elevata tra le donne, anche se le proporzioni cambiano di Stato in Stato.