piero angela senatore a vita
|

«Piero Angela senatore a vita»: gli appelli al presidente Mattarella

Piero Angela senatore a vita. Sta ottenendo un discreto successo la campagna lanciata sabato scorso dalle colonne del Foglio per chiedere al presidente della Repubblica di nominare parlamentare il più noto divulgatore scientifico italiano. L’iniziativa del quotidiano è stata lanciata sabato scorso dal direttore Claudio Cerasa, che ha scritto: «Se l’Italia del buonsenso politico trovasse un istante, durante l’estate, per mettere a fuoco l’articolo 59 della nostra Costituzione si renderebbe rapidamente conto che in questa complicata e delicata fase in cui vive il nostro paese, tra i cittadini ‘che hanno illustrato la Patria per altissimi meriti nel campo sociale, scientifico, artistico e letterario’ ce ne sarebbe uno che più di molti altri (forse a pari merito con il nostro amato Sabino Cassese) meriterebbe di essere scelto dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella come prossimo senatore a vita e che sarebbe bene affiancasse con rapidità Elena Cattaneo, Carlo Rubbia, Renzo Piano e Giorgio Napolitano, prendendo il posto del grande e purtroppo scomparso Claudio Abbado». «Il nome giusto – ha continuato Cerasa – su cui scommettere oggi e sul quale varrebbe la pena di organizzare una grande campagna trasversale di buonsenso culturale è quello di Piero Angela».

 

LEGGI ANCHE > IL CORDOGLIO DI BEPPE GRILLO PER PAOLO VILLAGGIO (CHE NEL 2013 VOTÒ MOVIMENTO 5 STELLE)

 

APPELLI A MATTARELLA PER PIERO ANGELA SENATORE A VITA

All’appello del giornale hanno aderito tante personalità e tanti lettori, online e non solo. Sono centinaia le mail inviate all’indirizzo angelasenatore@ilfoglio.it. Oggi Il Foglio pubblica circa 60 messaggi ricevuti. «Piero Angela è responsabile della mia prima formazione scientifica e così è stato per milioni di italiani, quindi dico sì!», ha scritto qualcuno. E ancora, altro messaggio: «Non si è mai nascosto e non ha mai avuto paura di difendere il buon senso contro il senso comune, diffondendo messaggi e cultura».

(Foto: ANSA / FLAVIO LO SCALZO)