ANSA/ETTORE FERRARI
|

Il M5S dà l’addio all’addio all’euro

Il M5S non è più un partito no euro, o quasi. Un margine di ambiguità rimane ancora all’interno dei 5 Stelle, ma la contrapposizione all’unione monetaria appare un ricordo del passato, così come la convocazione di un referendum per l’uscita dall’euro, caposaldo programmatico ormai relegato ad arma di pressione negoziale. La certificazione allo slittamento del M5S verso posizioni più euriste, come scrivono i critici no euro sul web, è stata testimoniata dai commenti di Davide Casaleggio e Luigi Di Maio ai margini del convegno “Il debito pubblico italiano nell’eurozona”, svoltosi ieri a Roma. L’incontro è stato moderato da Marcello Minenna, ex assessore al Bilancio della giunta Raggi, e ha ospitato diversi ospiti di prestigio. Il più importante di tutti era Jochen Andritzky, segretario generale del Consiglio di esperti economici della Germania, l’organismo di consulenza sui temi dell’economia e della finanza del Governo tedesco. Molto rilevante anche la partecipazione di Wolfgang Münchau, editorialista del Financial Times, che in passato aveva definito M5S ciarlatani proprio per la loro proposta di convocare un referendum sull’euro, una misura che avrebbe esposto l’Italia così come l’eurozona a una massiccia offensiva speculativa. Assai importante anche l’intervento di Paolo De Ioanna, consigliere di Stato e in passato capo di gabinetto del ministro dell’Economia Carlo Azeglio Ciampi.

IL M5S DICE ADDIO AL REFERENDUM PER L’USCITA DALL’EURO

Al convegno ha partecipato anche Alberto Bagnai, l’economista italiano che è un po’ il punto di riferimento della galassia no euro. Un segno che il M5S non vogliano chiudere del tutto il dialogo con quelle pulsioni, anche se ne sembrano sempre più distanti. L’uscita dall’euro è una proposta che ha penalizzato Marine Le Pen alle presidenziali francesi come Geert Wilders alle legislative olandesi, e i 5 Stelle non sembrano più disponibili a perdere consensi in uscita dal PD o da Forza Italia per inseguire questo tema. Una sensazione confermata dai commenti ai giornalisti di Luigi Di Maio e Davide Casaleggio. Il vicepresidente della Camera dei Deputati ha rimarcato come oggi la discussione non sia “Euro sì, Euro no”, chi sia o non è europeista. Per parlare di misure alternative per far volare il nostro Paese, la condizione non può che essere un governo dell’Italia che nelle sedi comunitarie e internazionali si faccia rispettare. Davide Casaleggio ha definito l’euro una moneta con un problema strutturale, evidenziando come nel convegno siano state discusse modalità di modificare questo difetto di costruzione. Toni molto lontani dalla battaglia per far uscire l’Italia dall’euro: gli strali per ora sono limitati al Fiscal Compact, che il M5S propone di non ratificare. Proposta identica a quella di Matteo Renzi. La non ratifica del trattato sui bilanci europei aiuterebbe l’Italia secondo i 5 Stelle al fine di poter fare più deficit per investimenti pubblici che stimolino la crescita.

TAG: Euro, M5S