bambino Oristano tetano
|

Vaccini, a Oristano bambino senza copertura ricoverato per tetano. È il primo da 30 anni

Si trovava in vacanza in Sardegna con la famiglia. Un bambino di 10 anni è stato ricoverato nell’Unità operativa di Pediatria dell’ospedale San Martino di Oristano per aver contratto il tetano. Il ragazzino non era stato vaccinato contro questa malattia. Secondo fonti ospedaliere, non sarebbe in pericolo di vita, ma quello che si è verificato a Oristano è un caso a cui, in Italia, non si assisteva da 30 anni.

LEGGI ANCHE: «Le parole del pediatra che ha cercato di salvare il bambino morto per morbillo a Monza»

BAMBINO ORISTANO TETANO, LA VICENDA

Il bambino di 10 anni si trova nella struttura ospedaliera da sabato scorso e le sue condizioni sono in constante miglioramento, anche se restano evidenti alcuni sintomi tipici della malattia, come la contrazione di alcuni muscoli e la paralisi dei nervi cranici.

All’origine della malattia ci sarebbe stata una caduta dalla bicicletta del piccolo, che ha provocato una ferita alla testa. Al bambino, trasportato immediatamente in un ospedale dell’isola, sarebbe stata proposta dai medici, in via cautelativa, la cura con l’antitetanica. Ma la famiglia avrebbe rifiutato la terapia.

BAMBINO ORISTANO TETANO, LE PAROLE DEI MEDICI

Per questo motivo, hanno spiegato i medici, la malattia si sarebbe rapidamente diffusa, prima del ricovero all’ospedale di Oristano. «È un caso di assoluta rarità – ha dichiarato il direttore dell’Unità di Pediatria,
Giovanni Zanda -. Il tetano è una malattia, non contagiosa, che si può considerare sostanzialmente scomparsa in Italia fra i bambini grazie alla vaccinazione antitetanica. Come ci hanno confermato dall’Istituto Superiore di Sanità e dall’ospedale Gaslini di Genova (specializzato nella cura dei pazienti
pediatrici), non si registrano più casi di tetano fra i piccoli ormai da trent’anni. La vicenda ripropone il tema della scelta dei vaccini».

Una tematica che, stando alle parole del dottor Zanda, nella provincia di Oristano è abbastanza sensibile: le coperture vaccinali sul territorio stanno infatti aumentando e, negli ultimi mesi, si è verificato un solo caso di morbillo.

(FOTO: ARCHIVIO/ANSA)