|

Il giornale che ti offre prostitute minorenni

Il Village Voice affonda nello scandalo delle prostitute minorenni, e nella vergogna di quegli annunci sexy che campeggiano sulla stampa di mezzo mondo ma sulle pagine della storica rivista nata nel Greenwich Village hanno dato vita a un business che vale 22 milioni di dollari. Ne parla Angelo Aquaro su Repubblica, che punta il dito sulla pubblicità online gestita dal sito Backpage.com, che appartiene sempre al Village Voice:

I procuratori di 48 stati hanno spedito una lettera all’editore denunciando il mercato del sesso. Sostiene una ricerca che da lì passa il 70 per cento della pubblicità per la prostituzione di tutti gli Usa. Arresti legati ai traffici del sito sono stati fatti in 22 stati. E un’inchiesta a New York ha portato alla scoperta di una ragazzina di 15 anni segregata, stuprata e venduta a ore proprio su Backpage. L’amministratore delegato naturalmente smentisce. «Il traffico di esseri umani e lo sfruttamento sessuale sono realtà così complesse che additare un singolo sito non solo è senza prove» tuona Liz McDougall «ma è anche irresponsabile». Di tante e responsabilissime campagne il giornale è stato protagonista nel suo mezzo secolo di vita.

Leggi anche:
L’asilo con la sexy maestrina
Senza trucco sei più bella: ecco perché

La proprietà ha perfino lasciato la Grande Mela:

Il Village Voice Media oggi è una società con sede a Phoenix, Arizona, che raccoglie poco meno di una ventina di giornali liberal e indipendenti di mezza America. Tutto questo affonda ora nella vergogna di quel sito dove la libertà di inchiesta è stata sostituita dalla schiavitù della pubblicità: anche di quella criminale.

Oltre 250 mila newyorchesi hanno firmato una petizione per chiedere che la voce del villaggio non dia più voce al tragico sfruttamento:

E proprio ieri davanti alla storica sede di Cooper Square il reverendo Galen Guengerich ha disteso centinaia di scarpette da ginnastica: «Sono per quelle ragazzine che non potranno indossarle più, quelle ragazzine usate e buttate via di cui sentiamo il grido di dolore…». Chissà che avrebbe scritto Norman Mailer, chissà che avrebbe scritto il Village Voice.