casapound arresti
|

Genova, CasaPound sfregia la memoria di Carlo Giuliani: aprirà sede in piazza Alimonda

«La Lanterna impassibile guarda da secoli gli scogli e l’onda/ ritorna come sempre, quasi normale, piazza Alimonda». Cantava così Francesco Guccini. E quel «quasi normale» riferito a piazza Alimonda suona come una previsione. Tra qualche giorno, nel luogo della morte di Carlo Giuliani durante il G8 di Genova, aprirà una sede di CasaPound. Da tempo il movimento di estrema destra aveva deciso di insediarsi stabilmente nel capoluogo ligure e ora è tutto pronto per l’inaugurazione.

LEGGI ANCHE: «CasaPound minaccia: schiaffi e botte quando saremo in Parlamento»

PIAZZA ALIMONDA CASAPOUND: LE PROTESTE

Il comitato territoriale verrà aperto in via Armenia, una traversa che parte proprio da piazza Alimonda, sfruttando un locale da tempo in vendita. E c’è già chi grida allo sfregio della memoria di Carlo Giuliani. Il luogo in cui si verificarono i fatti di Genova, infatti, è uno dei simboli della militanza di sinistra, quanto di più lontano possa esserci dall’ideale di CasaPound. Il movimento della tartaruga, che alle ultime elezioni amministrative, è risultato in forte crescita anche in Liguria, è pronto a far sentire la sua voce in uno dei centri nevralgici della sinistra, passato (proprio dopo l’ultimo voto) al centrodestra. 

CasaPound nega che ci sia qualsiasi relazione tra l’apertura della sede in piazza Alimonda e la memoria di Carlo Giuliani. Nessun atto dimostrativo, dunque. Ma in molti leggono lo stesso la provocazione. Primi fra tutti i tifosi del Genoa. «Via Armenia 5r», infatti, è da sempre il quartier generale dei supporter rossoblù, una sede storica di una tifoseria (una delle poche in Italia) legata agli ambienti della militanza di sinistra. 

PIAZZA ALIMONDA CASAPOUND: RISCHI PER L’ORDINE PUBBLICO

Proprio per questa vicinanza, c’erano state delle perplessità da parte della Questura del capoluogo ligure sull’apertura della sede di CasaPound in quella zona di Genova. Ma quest’ostacolo, oggi, sembra esser stato rimosso. La tensione nell’aria, in ogni caso, resta molto alta: il prossimo 30 giugno, infatti, i gruppi antifascisti (e anche i gruppi degli ultras genoani) scenderanno in strada per una manifestazione di protesta contro l’apertura del circolo. Il corteo partirà proprio da piazza Alimonda ed è considerato ad alto rischio.

(FOTO: ANSA/MASSIMO PERCOSSI)