Valeria Dall'Oca
|

Valeria salva gli animali, ma viene minacciata: «Hanno ammazzato gatti, galline e un capretto. Ora ho paura»

La sua seconda vita era iniziata tre anni fa, sull’Appennino bolognese. Valeria Dall’Oca aveva riadattato il casolare dei nonni per offrire rifugio agli animali abbandonati. Ora, quello stesso casolare si sta trasformando nel suo incubo: un gatto decapitato, altri felini avvelenati, galline uccise a bastonate, persino un capretto massacrato. Aveva un mese d’età.

LEGGI ANCHE: «Pavia, gli animalisti contro il palio dei maialini: blitz alla sagra dell’asparago | VIDEO»

LA STORIA DELLE MINACCE A VALERIA DALL’OCA

A qualcuno non piace la sua nuova attività, evidentemente. Valeria ha iniziato ad avere paura e a denunciare tutto alle autorità competenti. Il suo caso è stato messo in evidenza anche dal deputato del Movimento 5 Stelle Paolo Bernini, che ha scritto al ministro della Giustizia e al ministro della Difesa. «Sono due anni che mi succedono cose strane – ha detto Valeria Dall’Oca – e all’inizio non davo loro molto peso. Poi, però gli episodi sono aumentati: le foto che ritraevano gli animali massacrati e che avevo inviato ai carabinieri sono misteriosamente sparite dal mio pc. E sono sicura di non averle cancellate io».

La storia di Valeria con gli animali è iniziata quasi per caso, dal ritrovamento di una cavalla abbandonata. Poi sono arrivati gli asini (strappati al macello), un maialino vietnamita (che era la prima attrazione di un ristorante) e gli altri amici a quattro zampe. A loro dedica tutta la sua giornata, dalla mattina alla sera. Nel mezzo, mette in fila una serie di progetti di arredamento, altrimenti non avrebbe i fondi per poter mandare avanti tutta la baracca.

Ma per gli animali abbandonati, Valeria farebbe questo e altro: «Quelli che hanno subito abusi, sono come le persone che hanno sofferto e hanno una sensibilità maggiore. È normale che ti leghi a loro in una maniera incredibile». Le minacce al casolare rappresentano solo una brutta pagina di questa straordinaria vicenda. Ma non fermeranno la passione di un’animalista convinta.

(FOTO da profilo Facebook di Valeria Dall’Oca)