Adriano Celentano
|

Adriano Celentano difende Virginia Raggi: «Arrampicatori temono che possa risollevare Roma»

Virginia Raggi incassa un appoggio importante dal mondo dello spettacolo. Dopo la fuga dei vip dal Movimento 5 Stelle, arriva Adriano Celentano a difendere l’operato del sindaco di Roma. In un post sul suo blog, il noto cantante e show man illustra il suo pensiero sulla gestione della Capitale: «Gli arrampicatori pretendono che Virginia Raggi, in quattro e quattr’otto, risollevi Roma dalle macerie prodotte dai governi precedenti. O forse, è proprio quello che temono: che sia lei, l’unica in grado di realizzare il miracolo».

LEGGI ANCHE: «Adriano Celentano: sto iniziando a pensare a Salvini, addio Grillo-Renzi»

LE PAROLE CON CUI ADRIANO CELENTANO DIFENDE RAGGI

La difesa a Virginia Raggi arriva in un contesto in cui Celentano ha esposto alcune riflessioni sul mondo della politica in questo momento. Il cantante ha sottolineato come tra pochi mesi si andrà a votare e come la cosa lo preoccupi non poco perché «i partiti hanno smarrito la strada». Il suo post, onnicomprensivo, spazia da alcune questioni di finanza (come le banche che si fanno prestare i soldi dai piccoli risparmiatori e che poi non li restituiscono), fino ad arrivare al femminicidio dell’oncologa Ester Pasqualoni.

ADRIANO CELENTANO DIFENDE RAGGI, IL PRECEDENTE

Ma quello che sorprende di più è senz’altro l’endorsment nei confronti del sindaco di Roma. Tuttavia, non è la prima volta che Adriano Celentano spende parole al miele per la Raggi. La scorsa estate, pochi mesi dopo la sua elezione, infatti, l’aveva lodata per la sua scelta di aver detto no ai Giochi olimpici a Roma nel 2024. In quella circostanza l’aveva definita «la probabile lupa dei romani».

Celentano, inizialmente, era stato uno degli sponsor del Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo, specialmente nella sua fase embrionale. Nel corso del tempo, tuttavia, la sua posizione si era piuttosto raffreddata. Che sia proprio Virginia Raggi a far tornare la scintilla tra il cantante e l’esercito dei pentastellati?

(FOTO: ANSA /CLAUDIO ONORATI)