lecce
|

Lecce, al pronto soccorso arriva un uomo con due pistole, proiettili e coltelli

Al pronto soccorso si presenta un uomo armato di due pistole, cacciavite, coltelli e munizioni. È accaduto oggi all’ospedale di Lecce. Protagonista del singolare episodio un uomo di 48 anni con precedenti penali, Mauro Bascia, di Lizzanello, che al suo arrivo nella struttura sanitaria ai presenti avrebbe spiegato: «Quando si hanno tanto nemici è necessario andare in giro armati». L’uomo è stato in seguito arrestato da agenti della polizia.

LECCE, UOMO ARMATO DI PISTOLE AL PRONTO SOCCORSO: ARRESTATO

Il 48enne aveva chiesto di essere curato per problemi di lieve entità e si trovava nella sala d’attesa del pronto soccorso quando uno degli altri pazienti ha notato che sotto la camicia nascondeva una pistola. A quel punto il paziente ha informato i poliziotti del posto fisso, che hanno quindi perquisito l’uomo trovandogli indosso l’arma, una Beretta di piccolo calibro, risultata poi a salve: una pistola artigianale con colpo inserito. Nelle tasche dei pantaloni dell’uomo sono stati poi trovati dieci proiettili privi di ogiva, alcuni cacciavite e un mollettone con dei piccoli coltelli.

 

LEGGI ANCHE > Allarme siccità, l’ordinanza del sindaco di Vernasca: «Vietato bagnare le piante»

 

Altre armi sono state sequestrate in una successiva perquisizione domiciliare con materiale utile alla fabbricazione di armi e munizioni. Nell’auto è stata anche trovata una giacca con lo stemma della guardia venatoria e tre boccette di metadone.

(Immagine da archivio foto Ansa)

TAG: Lecce