marco prato
|

L’ultima lettera di Marco Prato prima di suicidarsi in carcere

«Questa vita mi è insopportabile. Perdonatemi». Scriveva così poco prima di togliersi la vita Marco Prato, il pr romano accusato dell’omicidio di Luca Varani che due giorni fa si è suicidato in carcere a Velletri infilando la testa in un sacchetto. Il 31enne ha scritto 12 righe in stampatello per provare a spiegare il suo gesto estremo e un post scriptum con un pensiero per il padre, che gli è sempre stato vicino durante la detenzione. Ne parla il quotidiano Il Tempo in un articolo a firma Andrea Ossino.

 

LEGGI ANCHE > Marco Prato, la reazione al suo suicidio degli amici Vip del Pr romano

 

LA LETTERA DI MARCO PRATO PRIMA DEL SUICIDIO IN CARCERE

Nel messaggio di Prato non c’è una sola parola dedicata i parenti del 23enne narcotizzato, violentato e ucciso. Il ragazzo spiega che «il suicidio non è un atto di coraggio né di codardia, il suicidio è una malattia dalla quale non sempre si guarisce, spero che considerandolo esclusivamente come patologia, per definizione non ha connotazioni etiche come scappatoia o gesto egoistico perché è solo una malattia!». «La pressione mediatica – continua Prato nella sua lettera – è insopportabile, le menzogne su quella notte e sul mio conto sono insopportabili, questa vita mi è insopportabile. Perdonatemi». La missiva è firmata, con una sigla in corsivo. Alla fine il post scriptum per il genitore: «Assicuratevi che quando mio padre sarà avvertito ci sarà un medico o la sorella di mia madre con lui perché soffre di ipertensione e cuore!».

(Immagine via Facebook)