disabili Sicilia
|

Disabili in Sicilia, la lettera indignata di Pif: «Povero coglione che sono»

Sussulto d’orgoglio da parte di Pif. Il noto conduttore televisivo aveva dato il via a una campagna di sensibilizzazione per l’assistenza ai disabili della Regione Sicilia, arrivando a un duro scontro verbale con il presidente Rosario Crocetta. I fondi, alla fine, erano stati stanziati, ma non bastano per tutti i disabili e, comunque, non sono ancora arrivati nelle tasche dei diretti interessati. Dall’altra parte, il parlamentino dell’isola ha approvato un provvedimento che garantirà l’indennità mensile di 1023 euro a 51 consiglieri eletti nel 2012, a partire dal compimento del 65° anni d’età.

LEGGI ANCHE: «La Regione Sicilia stanzia 31 milioni per i disabili. L’associazione: non bastano»

GUARDA IL VIDEO DI PIF SUI DISABILI E L’ATTACCO A ROSARIO CROCETTA

Pif scrive una lettera al Corriere della Sera, indignandosi per quello che è accaduto. La domanda di base è semplice: ma la Regione ce li ha o non ce li ha i soldi? Scrive Pif:

«Le pensioni dei deputati siciliani sono un regalo. E comunque anche l’assistenza ai disabili è un diritto, e al momento ‘negato’. A questo punto, caro Marziano, ti ‘vomiterei’ tutta la mia indignazione con insulti più o meno velati. Punterei il dito verso chi li ha votati questi deputati, e soprattutto verso chi li rivoterà, perché sicuramente ci sarà chi li rivoterà nonostante tutto, ma questo messaggio si intitola ‘L’ego di un povero coglione’».

Pif si rammarica perché, nonostante l’attenzione mediatica scatenata, non è riuscito a risolvere il problema dei disabili in Sicilia in poco tempo. Non è bastato il video diventato virale del litigio con Crocetta, non sono bastate le mobilitazioni di personaggi dello spettacolo come Fiorello, Jovanotti, Stefania Petyx, Ficarra e Picone. 

« Io, povero imbecille, che pensavo di poter risolvere il problema in poco tempo. Io, povera testa di minchia, che faccio le cose semplici semplici, mentre governare è un altra cosa. Io, povero coglione, che pensavo che l’assistenza ai disabili fosse una priorità, e non solo per i loro familiari che si sacrificano ogni santo giorno. Come ho potuto pensare di riuscire a rendere ‘umani’ i deputati della Regione Sicilia? Solo un povero coglione poteva pensarlo».