Attentato Manchester,l’arcivescovo di Ferrara definisce insensate le vite delle vittime

Han Yan/Xinhua via ZUMA Wire

Monsignor Luigi Negri svolge una riflessione dalle scivolate imbarazzanti

L’attentato di Manchester non poteva non avere un commento inopportuno da parte di un importante esponente della nostra società. La relativa sobrietà di giornali e politici, che per una volta hanno evitato strumentalizzazioni eccessive al di là delle ovvie strumentalizzazioni, è stata guastata dall’intervento redatto dall’arcivescovo di Ferrara monsignor Luigi Negri. Il porporato, che lascerà il suo incarico tra pochi giorni, ha composto una riflessione per un portale cattolico, La Nuova Bussola Quotidiana. In questo scritto monsignor Negri riesce a definire insensate le vite delle vittime, bambini e adolescenti presenti al concerto di Ariana Grande alla Manchester Arena dove il terrorista Salman Abedi ha detonato un ordigno esplosivo che portava con se. Nonostante all’inizio monsignor Negri definisca figli suoi i 22 morti dell’attentato di Manchester, lo svolgimento della sua riflessione appare piuttosto insensibile considerando il dolore suscitato da una simile strage.

Figli miei, siete morti così, quasi senza ragioni come avevate vissuto. Non preoccupatevi, non vi hanno aiutato a vivere ma vi faranno un “ottimo” funerale in cui si esprimerà al massimo questa bolsa retorica laicista con tutte le autorità presenti – purtroppo anche quelle religiose – in piedi, silenziose. Naturalmente i vostri funerali saranno fatti all’aria aperta, anche per quelli che credono, perché ormai l’unico tempio è la natura.

Sulla Nuova Bussola Quotidiana Monsignor Negri scrive una filippica contro la società dei consumi e dell’egoismo che non riconosce il Male, ovvero il Diavolo, che ha agito a Manchester, così come tuona contro chi nega la guerra di religione. Sono considerazioni che si possono trovare condivisibili o meno, ma che non sono per nulla adatte al ricordo delle 22 vittime dell’attentato di Manchester. Nel suo intervento l’arcivescovo di Ferrara critica perfino l’attuale deriva della Chiesa cattolica, proseguendo nei suoi rilievi davvero fuori tema visto che in teoria avrebbe dovuto ricordare i morti dell’attentato di Manchester.

ATTENTATO MANCHESTER, VESCOVO DI FERRARA INTERVIENE CON PAROLE IMBARAZZANTI SULLE VITTIME

Robespierre riderebbe perché neanche lui è arrivato a questa fantasia. Del resto nelle chiese non si fanno più funerali perché, come dice acutamente il cardinale Sarah, nelle chiese cattoliche ormai si celebrano i funerali di Dio. Non dimenticheranno di mettervi sui marciapiedi i vostri peluche, i ricordi della vostra infanzia, della vostra prima giovinezza. E poi tutto sarà archiviato nella retorica di chi non ha niente da dire di fronte alle tragedie perché non ha niente da dire di fronte alla vita. Io spero che almeno qualcuno di questi guru – culturali, politici e religiosi – in questa situazione trattenga le parole e non ci investa con i soliti discorsi per dire che «non è una guerra di religione», che «la religione per sua natura è aperta al dialogo e alla comprensione». Ecco, io mi auguro che ci sia un momento silenzioso di rispetto. Innanzitutto per le vostre vite falciate dall’odio del demonio, ma anche per la verità. Perché gli adulti dovrebbero innanzitutto avere rispetto per la verità. Possono non servirla ma devono averne rispetto.

Foto copertina: Han Yan/Xinhua via ZUMA Wire