Chris Cornell messaggio
|

Chris Cornell si è ucciso

La morte di Chris Cornell ha sconvolto il mondo della musica, perché arrivata all’improvviso, come ha ricordato il suo agente all’Associated Press nel confermare la notizia. I primi risultati dell’autopsia hanno confermato le indiscrezioni diffuse nelle ore successive alla morte dell’artista di Seattle. Chris Cornell si è suicidato impiccandosi nel bagno dell’hotel di Detroit dove soggiornava dopo essersi esibito in un concerto a Detroit, nel Michigan. Probabilmente la moglie era stata avvertita delle intenzioni suicide del marito, visto che era lei che aveva contattato l’entourage dei Soundgarden per entrare nella camera d’alberto di Cornell. La porta era chiusa, e dopo che è stata forzata per esser aperta, è stato trovato il corpo senza vita dell’artista americano.

LEGGI ANCHE: «Chris Cornell è morto, addio al cantante dei Soundgarden»

CHRIS CORNELL SUICIDIO, LE IPOTESI INVESTIGATIVE

Il cantante dei Soundgarden e del gruppo Audioslave è scomparso all’età di 52 anni, mentre si trovava a Detroit, dove aveva appena fatto un concerto. Testate come il Mirror hanno riportato alcuni dettagli sulle circostanze del ritrovamento del corpo senza vita di Cornell. Il musicista sarebbe stato ritrovato senza vita nel bagno della camera dell’hotel in cui alloggiava, l’MGM Grand. Gli agenti avrebbero forzato la porta chiusa a chiave dopo una chiamata di emergenza da parte di un amico dello stesso Cornell, allertato a sua volta dalla moglie della star. Le ipotesi investigative riportate dal Mirror sarebbero state riferite da Michael Woody del Detroit Police Department. Tuttavia, in base alle testimonianze di chi gli stava vicino e anche dalla sua recente attività sui social network, Cornell non avrebbe manifestato un malessere tale da portarlo a questa drastica decisione. Resta comunque ben chiara la posizione della famiglia del cantante che ha chiesto riserbo assoluto sulla vicenda, nel rispetto anche del loro dolore. Chris Cornell è stato, insieme a Kurt Cobain ed Eddie Vedder, uno dei simboli del grunge di fine anni Ottanta ed inizio anni Novanta. Il cantante si trovava nel bel mezzo di un tour da tutto esaurito, che prevedeva altre sei date fino alla sua conclusione, il prossimo 27 maggio. (FOTO: RMV via ZUMA Press)