corea del nord
|

La svolta della Corea del Nord: sì al dialogo con gli Usa. Ma «sotto le giuste condizioni»

Le tensioni tra Corea del Nord e Stati Uniti potrebbero presto cessare. Pyongyang ha fatto sapere che parlerà con gli Stati Uniti «sotto le giuste condizioni». Ad affermarlo è stata Choe Son-hui, direttore generale dell’Ufficio sui rapporti con gli Usa del ministero degli Esteri di Pyongyang, avvicinata al Capital International Airport di Pechino.

 

LEGGI ANCHE > Attacco hacker in 74 Paesi, in Italia colpite le università: alla Bicocca «usata una chiavetta»

 

COREA DEL NORD PRONTA AL DIALOGO CON GLI USA

La diplomatica ha guidato, riporta l’agenzia Yonhap, la delegazione che ha incontrato di recente a Oslo un gruppo di esperti americani con a capo Suzanne DiMaggio, direttore del think-tank New America, nota come specialista in questioni iraniane e attiva nei negoziati dell’amministrazione Obama con Teheran.

Nel gruppo di esperti Usa in Norvegia c’era anche Thomas Pickering, ex ambasciatore americano all’Onu. Choe, diretta a Pyongyang, ha risposto a un’esplicita domanda, di aver «incontrato Pickering. Ne discuterò quando ne avrò l’occasione in futuro». In merito al nuovo presidente sudcoreano Moon Jae-in e alla richiesta di chiarimenti su eventuali preparativi per il dialogo, Choe ha affermato che «noi osserveremo la situazione».

Il governo Usa ha detto di non aver dato alcun rilievo e peso particolare agli incontri avvenuti a Oslo. Secondo gli osservatori, visto anche il delicato momento dopo l’aspro braccio di ferro Pyongyang-Washington su nucleare e missili del Nord, l’appuntamento in Norvegia può aver dato l’occasione di un «contatto esplorativo».

(Foto da archivio Ansa. Credit: Zhu Longchuan / Xinhua via ZUMA Wire)