India bastone
|

«Tuo marito è violento? Usa questo bastone»: il regalo del ministro indiano alle giovani mogli

Una cerimonia particolare e un regalo abbastanza insolito. Il ministro dello sviluppo rurale del Madhya Pradesh in India, Gopal Bhargava, durante un maxi matrimonio per 700 coppie di sposi ha donato a tutte le donne una cesta con cose utili per la casa e con un bastone poco più piccolo di una mazza da cricket. 

LEGGI ANCHE: «La mappa dei Paesi che amano le donne»

«Se tuo marito o qualsiasi membro della tua famiglia torna a casa ubriaco, aggiustalo con questo» ha detto il ministro durante la cerimonia tradizionale, di fronte a una platea di ragazze vestite con gli abiti tipici della zona, pronte a effettuare i sette giri attorno al fuoco che sanciscono l’unione hindu.

LA PREOCCUPAZIONE PER L’ABUSO DI ALCOLICI

L’iniziativa ha fatto molto discutere ed è stata salutata con molto entusiasmo dalle attiviste della regione indiana che, da diverso tempo, stanno portando avanti una campagna di sensibilizzazione contro l’abuso dei liquori, una delle probabili cause dell’aumento del 34% della violenza domestica. Sui bastoni sono state dipinte due scritte, una blu che recita «un regalo per mantenere gli ubriachi sotto controllo», l’altra rossa che contiene una simpatica promessa: «la polizia non dirà nulla».

Uno spot elettorale? Forse, considerando anche il fatto che queste cerimonie nuziali molto vaste, rivolte in modo particolare alle coppie che non possono permettersi delle feste private, sono uno degli strumenti principali dei politici locali per aumentare il loro consenso. Ma è innegabile che il bastone di legno stia diventando uno dei simboli delle rivendicazioni femministe indiane contro l’abuso di alcolici da parte degli uomini. La Gulabi Gang, ad esempio, è un gruppo di attiviste che si identifica proprio con l’utilizzo del bastone e di un abito rosa.

E il ministro Bhargava ha annunciato di aver preparato altri 10mila oggetti simili per i prossimi matrimoni a cui presenzierà. La lotta al marito ubriaco e violento, quindi, sembra essere soltanto all’inizio.  

(FOTO: Tumpa Mondal/Xinhua via ZUMA Wire)