francesco paolo giordano
|

Il procuratore di Siracusa smentisce i legami tra ong e scafisti: «Nessun riscontro investigativo»

«Non abbiamo alcun riscontro investigativo» di legami tra ong e trafficanti di esseri umani. Lo ha dichiarato il procuratore della Repubblica di Siracusa, Francesco Paolo Giordano, in audizione davanti alla Commissione Difesa del Senato impegnata in un’indagine conoscitiva sul contributo dei militari italiani al controllo dei flussi migratori nel Mediterraneo e l’impatto dell’attività delle organizzazioni non governative.

LEGGI ANCHE > Matteo Salvini ha trascorso la notte al Cara di Mineo

Francesco Paolo Giordano: «NON SI RISULTANO COLLEGAMENTI»

«A noi come ufficio – ha sottolineato Giordano – non risulta di asseriti collegamenti, obliqui o inquinanti, tra ong e trafficanti, eppure abbiamo sentito centinaia di persone in proposito. Certo, c’è ong e ong, c’è struttura e struttura: ci sono organizzazioni che si servono di imbarcazioni perfette, conformi ai codici di navigazione, e che hanno un atteggiamento collaborativo con la polizia giudiziaria, e organizzazioni che si servono di imbarcazioni molto meno efficienti e che hanno un atteggiamento molto meno collaborativo». «Ma questo – ha ammesso il procuratore – non lo interpretiamo come una volontà di ostacolo alle indagini o un favoreggiamento di altri reati ma come un atteggiamento ‘ideologico’, coerente con chi svolge un tipo di lavoro umanitario e che di per sé è a favore del migrante».

(in copertina foto ANSA/MARINA MILITARE)