Papa in Egitto
|

Il Papa in Egitto e quel dialogo con i musulmani. Il saluto islamico di Francesco | VIDEO

Una visita improntata al dialogo interreligioso, che cerca di fermare la spirale di violenza nei confronti dei cristiani in Egitto. Papa Francesco lo fa capire subito, non appena ha messo piede in Egitto. Nel corso del suo intervento alla Conferenza sulla pace del Cairo, il pontefice si è rivolto ai presenti con il tradizionale saluto islamico: «As-salamu alaykum», ovvero «la pace sia con voi».

guarda il video:

GUARDA IL VIDEO DEL SALUTO DI PAPA FRANCESCO IN EGITTO

Cortesia, comprensione reciproca, condivisione. Sono questi i messaggi che Papa Francesco ha voluto inviare con la visita ad Al-Azhar, sede universitaria influente dell’islam sunnita. Qui ha abbracciato il grande imam Ahmed Al Tayyb, insieme hanno osservato un minuto di silenzio in memoria delle vittime del terrorismo e hanno ricordato gli attentati che hanno colpito la chiesa copta nella domenica delle Palme.

LEGGI ANCHE: «Palme di sangue: attacco a una chiesa costa in Egitto»

Il Papa è consapevole – come ha affermato Al Tayyb – che «l’Islam non è una religione di terrorismo e che quelli che compiono atti violenti ne hanno travisato il messaggio», ma è anche ben deciso nell’affermare che «la violenza è la negazione di ogni tipo di religiosità e che il terrorismo è una falsificazione idolatrica di Dio».

Una mano tesa nei confronti dell’Islam e la volontà di rinsaldare il legame con le istituzioni egiziane. Papa Francesco ha incontrato, nel corso della sua visita in Egitto iniziata questa mattina, anche il presidente Al-Sisi. Gli ha ricordato come la terra sia caratterizzata dalla piaga del terrorismo e come la politica debba avere un ruolo fondamentale nel gestire e cercare di riparare questa situazione. Inoltre, il pontefice ha ricordato come sia necessario «rispettare in maniera incondizionata i diritti inviolabili dell’uomo».

Si tratta, forse, di un riferimento velato al caso di Giulio Regeni, il ricercatore italiano ucciso tra il gennaio e il febbraio del 2016 proprio in Egitto, la cui morte rappresenta ancora un mistero che la diplomazia tra Stati non è riuscita a risolvere. Secondo alcune fonti egiziane (la notizia è stata pubblicata sul principale giornale locale, Al-Ahram), il papa avrebbe dovuto affrontare il discorso proprio con il presidente Al-Sisi. Al momento, però, non c’è alcuna conferma che questo argomento sia stato toccato nel corso dei colloqui tra i due.

(FOTO: ANSA/CIRO FUSCO)