poster in camera
|

Renzi, Orlando, Emiliano e le risposte sul poster in camera a 15 anni

Ieri sera nel corso del confronto su Sky tra i tre candidati alle primarie per la segretaria del Pd c’è stato spazio anche a domande leggere e simpatiche. A strappare qualche sorriso ai telespettatori è stata soprattutto quella riguardante il poster affisso nella propria stanza da ragazzini. «Lei a 15 anni che poster aveva in camera, e se avesse oggi 15 anni quale metterebbe?», ha chiesto il conduttore della sfida televisiva.

 

LEGGI ANCHE > L’alternativa a Renzi: un nuovo centrosinistra da Civati a Bersani (e con Boldrini e Grasso)

 

RENZI, ORLANDO, EMILIANO E IL POSTER IN CAMERA A 15 ANNI

«Io – è sta al risposta il governatore pugliese Michele Emiliano – avevo attaccato un poster di Gigi Riva che calciava in porta il terzo gol contro la Germania. Oggi attaccherei probabilmente quello di Jury Chechi che si è rotto il tendine come me e ha saltato le Olimpiadi. A lui è andata peggio, io ho saltato solo la campagna elettorale». «A 15 anni – ha detto invece il ministro della Giustizia Andrea Orlando – avevo il poster di Berlinguer, che in quei mesi era morto. Avevo anche una foto di Salvador Allende. Oggi aggiungerei anche quello di Nelson Mandela». Infine, i poster in camera dell’ex premier Matteo Renzi: «Baggio, i Duran Duran e poi Bob Kennedy, punto di riferimento per molti di noi anche se non l’abbiamo conosciuto. Oggi, se fossi un ragazzo di 15 anni… (sceglierei, ndr) Barack Obama, un uomo che ha segnato la storia di questi anni. La storia sarà gentile con lui perché lui ha cambiato la storia di questo pianeta».

(Immagine: screenshot da video Sky)