università dei motori
|

Cos’è la neonata Università dei Motori

Si è appena costituita al Tecnopolo dell’Università di Parma, dinanzi ad un notaio, l’Università della Motor Valley. L’ambizioso progetto coinvolge ben otto aziende: Ferrari, Lamborghini, Maserati, Ducati, Dallara, Magneti Marelli, Toro Rosso e High performance engineering.

UNIVERSITÀ DEI MOTORI, TEST DI AMMISSIONE 2017-2018

Anche se il piano è ancora in cantiere, nei prossimi mesi inizieranno le selezioni degli studenti per il prossimo anno accademico, il quale prevede due corsi di laurea magistrali nuovi (il biennio finale). I centocinquanta studenti, accuratamente scelti dopo una serie di prove in fase di definizione, saranno futuri ingegneri per veicoli stradali e da competizione delle case più importanti al mondo.

UNIVERSITÀ DEI MOTORI, I CORSI

I canali a cui ci si può iscrivere sono due: “Advanced automotive engineering” (per centoventi studenti) e “Advanced automotive electronic engineering” (per trenta), entrambi in lingua inglese. Una scelta, quest’ultima, volta ad attrarre ragazzi da tutto il mondo: dovranno possedere un livello B2 di conoscenza della lingua che dimostreranno attraverso il colloquio orale di selezione. Un percorso a trecentosessanta gradi che si snoderà tra facoltà e laboratori delle aziende coinvolte, con tirocini obbligatori che si terranno in azienda e nei quattro atenei italiani partecipanti: Parma, Alma Mater di Bologna, Ferrara e Modena-Reggio.

(in copertina foto © Visual via ZUMA Press)