taglia Igor
|

Norbert Feher, la minaccia di «Igor» contro chi gli dà la caccia

«Igor», il cui vero nome è Norbert Feher, ricercato per tre omicidi nelle campagne e nei boschi dell’Italia centrale, avrebbe lasciato un messaggio di minaccia contro i poliziotti e gli inquirenti che gli stanno dando la caccia in questi giorni. Come racconta il Quotidiano nazionale in un articolo di Nicola Bianchi, in un casolare abbandonato tra Monestirolo e Portomaggiore, al confine fra Ferrara e Bologna, è stata ritrovata una scritta su uno specchio che potrebbe esser stata firmata proprio da Igor. Sul vetro si legge «Vi amazero!!!!», come mostra anche una foto pubblicata sul quotidiano emiliano. Italiano non preciso, ma contenuto molto minaccioso, che presumibilmente è stata lasciata da Norber Fehner, il vero nome del criminale conosciuto in precedenza come Igor Vaclavic. Lo specchio col messaggio di «Igor» è stato ritrovato pochi giorni fa durante un blitz condotto da centinaia di agenti delle forze di sicurezza.

Il fuggitivo, accusato ora di tre omicidi (Budrio, Portomaggiore e Fosso Ghiaia), potrebbe essere passato per quel casale. La ‘zona rossa’ fra Marmorta e Campotto, quella battuta palmo a palmo da più di due settimane dai carabinieri di Gis, Tuscania e Cacciatori di Calabria, è a pochi chilometri in linea d’aria. «Alcuni giorni fa – racconta un contadino indicando il vecchio rudere a due passi dalla Statale 16 –, in quella zona sono arrivate in massa le forze dell’ordine. E sono rimaste un bel po’…».

Il messaggio sullo specchio è stato scritto con polvere nera, e potrebbe esser stato realizzato da Norbert Fehner in una delle sue fughe precedenti all’ultimo omicidio. Il criminale da tempo si muoveva nelle zone tra Marmorta e Campotto. Come racconta Nicola Bianchi, nel recente passato Igor aveva già firmato un crimine, lasciando la scritta «Ciao bello» in un garage di una persona che aveva appena derubato. Il materiale sequestrato nel casolare, oltre allo specchio, è stato inviato per esser analizzato.