michele scarponi morto
|

Morto Michele Scarponi, campione di ciclismo travolto mentre si allenava per il Giro

Michele Scarponi, vincitore del Giro d’Italia 2011, è morto dopo essere stato travolto da un’auto a un incrocio mentre si allenava in bicicletta a Filottrano, in provincia di Ancona. Inutili i soccorsi che hanno tentato di rianimare il campione.

LEGGI ANCHE > In memoria di Michele Scarponi. E contro i pirati della strada

MICHELE SCARPONI MORTO: ADDIO ALL’AQUILA DI FILOTTRANO

Lui, 37 anni, «l’aquila di Filottrano», diventò professionista dal 2002. Con l’Astana si preparava ad affrontare il prossimo Giro d’Italia. Nel 2011 aveva vinto il Giro dopo la squalifica di Alberto Contador per doping. Ecco il comunicato del team Astana:

“Michele è morto questa mattina mentre si allenava. Questa è una tragedia troppo grande per essere scritta. Il nostro atleta Michele SCARPONI questa mattina è morto mentre si allenava sulla sua bicicletta vicino alla sua casa a Filottrano. Michele è stato investito ad un incrocio. Questa mattina Michele è uscito in bicicletta per un allenamento di mattina presto ed è accaduta la tragedia. Ci lascia un grande campione e un ragazzo speciale, sempre sorridente in ogni situazione, era una vera pietra miliare e un punto di riferimento per tutti nella squadra dell’Astana. Il Team Astana è vicino alla famiglia Michele in questo momento di incredibile dolore e lutto”

“Non lo so, non ce la faccio! Non ho parole amico mio…”. Questo il messaggio di Vincenzo Nibali, su twitter, sulla morte in un incidente stradale dell’amico ed ex compagno di squadra.

“Ieri in corsa. Si affianca a me. Michele sorride, come sempre. Contento per la vittoria, parla del Giro. Ed ora son qui a piangerlo. Dio mio”. Così sul suo profilo twitter, il ct della Nazionale di azzurra di ciclismo, Davide Cassani.

(Credit Image ANSA ZUMPRESS in copertina © Icon Sports/Cal Sport Media)