Burioni Report
|

Roberto Burioni smentisce Report

Roberto Burioni ha smentito Report. Il professore di Microbiologia e Virologia all’Università San Raffaele di Milano, che in questi anni è diventato molto seguito su Facebook per il suo impegno divulgativo contro le bufale, le false informazioni e paure sulle vaccinazioni, ha pubblicato uno scambio di battute con una giornalista della trasmissione in merito al modo con cui è stato contattato per partecipare alla trasmissione di lunedì scorso. Burioni ha pubblicato sul suo profilo Facebook lo screenshot del dialogo con Alessandra Borella, corredando la foto con questa osservazione.

Burioni Report

I giornalisti di Report mi hanno cercato perché volevano un confronto, ma dopo strenue e infruttuose ricerche si sono arresi.Immagino che anche gli altri ricercatori si siano nascosti come me, vero Andrea Cossarizza? PS: la conversazione è avvenuta ieri in un post pubblico della pagina del giornalista Gerardo D’Amico

L’ironico messaggio deriva dalla risposta di Alessandra Borella, che ha contattato il professor Burioni con un messaggio privato su Facebook. Non avendo ricevuto risposta, e avendo in seguito battibeccato con il docente sul suo profilo Facebook, la giornalista di Report ha desistito dall’invitarlo a partecipare alla trasmissione.

Burioni Report

 

Burioni aveva fermamente criticato il servizio sulle conseguenze del vaccino contro il Papilloma virus, evidenziando come Report non avesse organizzato alcun contraddittorio scientificamente credibile e dando spazio solo a chi invece senza prove ne contestava la validità.

Diffondere la paura raccontando bugie è quello che ha fatto ieri sera la trasmissione di Rai3 Report dedicata al vaccino contro il Papilloma virus, il primo vaccino contro il cancro che l’uomo è riuscito a inventare. Un vaccino sicuro e di una formidabile efficacia (1), a differenza di quanto fatto affermare senza contraddittorio in televisione. Report ha dato spazio a teorie prive di base scientifica, a individui senza alcuna autorevolezza ed ha mescolato sapientemente possibili tangenti e ipotesi non confermate (2) per ottenere un effetto abominevole: instillare timore nei confronti di una pratica medica sicura, efficace ed in grado di salvare migliaia di donne da una morte atroce.