G7 Taormina
|

G7, Trump e Melania a cena: organizza il wedding planner siciliano

C’è anche la Taormina glamour da prendere in considerazione in vista del G7 del 26 e del 27 maggio. E a organizzare le cene di Donald Trump e della first lady Melania sarà un wedding planner siciliano. Luca Melilli, 39 anni di Comiso, è pronto per una delle sfide più importanti della sua carriera: sarà lui a preparare nei minimi dettagli le serate di gala dei coniugi della Casa Bianca.

I PROGETTI PER IL G7 TAORMINA

«Quando ho letto la mail dell’agenzia che ci ha chiesto di occuparcene – ha detto Melilli – quasi non volevo crederci. Ci ho messo un po’ di tempo per realizzare che era tutto vero. Ci hanno dato delle indicazioni da seguire, ma ho anche delle mie idee che si possono mettere in pratica». Ma sui dettagli delle cene c’è il più classico dei top secret. Melilli si lascia sfuggire qualcosa, ma non può proprio sbottonarsi più di tanto: «Innanzitutto, saranno due serate. Una delle due, sicuramente elegante. Per l’altra, potremmo osare con dei richiami alla tradizione folkloristica siciliana e mediterranea».

Il G7 va sul sicuro. Melilli è uno dei massimi esperti italiani dell’organizzazione di eventi: la rivista specializzata Brides Magazine lo considera tra i 50 migliori al mondo e ha curato, con la sua agenzia Panta Rhei, eventi del calibro della presentazione della Microsoft di Bill Gates nella Valle dei Templi e le cene del Taormina Film Festival.

Progetti, arredi, luci: tutto questo a disposizione dei più potenti uomini del mondo. In più, ci sarà un dettaglio non da poco. Melilli svela che i fiori che verranno utilizzati saranno assolutamente freschi. E che l’allestimento avrà un occhio particolare al made in Italy.

Continua, dunque, il tour de force di preparazione del grande evento di Taormina. La scorsa settimana, l’équipe medica della Casa Bianca si era recata in visita d’ispezione presso il locale ospedale, per assicurarsi che tutto potesse essere pronto per far fronte a eventuali emergenze. Anche in quel caso, il riscontro degli americani fu molto positivo.

(FOTO: EPA/OILIVIER DOULIERY / SIPA POOL)