telefonino alla guida
|

La patente sospesa da uno a tre mesi per chi usa il telefonino mentre guida

Usare il telefonino alla guida può costare caro. Ma presto potrebbe costare ancora di più. Il governo è infatti intenzionato ad inasaprire le multe e le sanzioni per chi viene scoperto ad utilizzare il cellulare mentre si trova al volante. La linea dura è stata annunciata dal viceministro ai Trasporti Riccardo Nencini: con un decreto a maggio potrebbe arrivare la sospensione della patente da uno a tre mesi già alla prima violazione.

 

LEGGI ANCHE > Video dell’omicidio su Facebook rimosso dopo 2 ore, il social ammette: «Dobbiamo fare meglio»

 

USARE TELEFONINO ALLA GUIDA? PATENTE SOSPESA DA UNO A TRE MESI

La linea dura servirebbe ad affrontare una vera e propria emergenza. Si stima che oggi un incidente su 5 è causato dall’uso di smartphone al volante, da automobilisti che non usano vivavoce o auricolari. Scrive Marco Menduni sul quotidiano La Stampa:

«Il cammino del nuovo codice della strada – annuncia Nencini – è finalmente ripreso al Senato, dov’era rimasto fermo per la mancata copertura finanziaria di alcune voci. Ora è ripartito, ma abbiamo fatto una considerazione: potremmo intervenire con un decreto già a maggio, per anticipare quelle che sono le due grandi emergenze da affrontare il più rapidamente possibile». Utilizzando così il metodo inaugurato con l’omicidio stradale: anche questo era compreso nel nuovo codice, ma le lungaggini nell’approvazione hanno convinto il precedente governo a introdurlo con un decreto legge. La prima emergenza è, appunto, quella di chi usa il cellulare alla guida. Per telefonare senza bluetooth, per mandare e ricevere sms, per chattare su WhatsApp, per consultare internet. Persino per farsi gli autoscatti al volante e mandarli agli amici.

Oggi l’ammenda per chi usa il telefonino alla guida è compresa tra i 160 e 646 euro (112 euro se si paga entro 5 giorni) più la decurtazione di 5 punti dalla patente. Se il progetto dell’esecutivo (intesa tra Trasporti e Interno) diventerà legge, la sospensione del documento di guida scatterà già alla prima violazione (mentre oggi è prevista come sanzione accessoria solo nel caso in cui il comportamento risulti ripetuto nel tempo). Nel 2015 le multe per chi si veniva scoperto al volante mentre utilizzava il cellulare sono state circa 50mila (+20,9% rispetto al 2014).

(Foto: ANSA / MAURIZIO BRAMBATTI)