vita su Saturno
|

L’annuncio a sorpresa della Nasa: «Possibile la vita su una luna di Saturno»

Lo spazio non smette mai di riservarci delle sorprese. Dopo la scoperta di un interno nuovo sistema solare formato da sette pianeti attorno alla nana rossa Trappist-1, la Nasa annuncia una vera e propria rivoluzione per quanto riguarda l’esistenza di vita extraterrestre. Una luna di Saturno, chiamata Encelado, potrebbe avere condizioni capaci di far sviluppare esseri viventi nel suo oceano di acqua nascosto sotto ai suoi ghiacci.

LEGGI ANCHE: «Scoperto un sistema solare con 7 pianeti simili alla Terra»

Il risultato è giunto dopo anni di ricerche, grazie alla sonda Cassini che ha terminato la sua missione proprio nel 2017. La scoperta verrà descritta minuziosamente in un articolo dell’importante rivista Science e prenderà in considerazione i dati raccolti da Cassini, dalla Nasa, dall’Esa (l’agenzia spaziale europea) e dall’Asi (l’agenzia spaziale italiana).

LE RICERCHE SU ENCELADO, LA LUNA DI SATURNO

L’oceano di Encelado era già noto da tempo agli addetti ai lavori ed è apparso subito chiaro che poteva essere un habitat ideale per lo sviluppo della vita extraterrestre. Sotto la guida della planetologa Carolyn Porco, una delle massime esperte al mondo di Saturno e delle sue lune, hanno lavorato alle immagini inviate dalla sonda una serie di oceanografi, esperti di chimica organica e astrobiologi che, nel corso degli scorsi anni, hanno avuto la loro base operativa all’Università di Berkeley.

Sono stati i primi a credere fortemente alla possibilità di trovare forme di vita su Encelado, tanto che hanno ritenuto indispensabile l’azione svolta nell’ultima parte dell’anno dalla sonda Cassini, da molti definita «la fase più affascinante della missione». Una delle possibili modalità di analisi – che la Nasa svelerà in una conferenza stampa molto attesa questa sera – è quella derivante dalle immagini delle eruzioni dei geyser nel polo sud di Encelado: la composizione di questi sbuffi di gas potrà senz’altro essere d’aiuto per determinare la presenza di eventuali molecole organiche.

LE CARATTERISTICHE DI SATURNO

Saturno, il signore degli anelli, è il sesto pianeta del sistema solare e ha circa sessanta lune che gli orbitano intorno. È composto principalmente di idrogeno (95%) e ha una temperatura superficiale di circa -191 °C. L’individuazione della vita a queste condizioni sarebbe un piccolo miracolo della scienza.

(FOTO: ANSA/NASA)