Antitrust TicketOne
|

Musica, Antitrust: «TicketOne colpevole nel secondary ticketing». Multa da 1,7 milioni di euro

Ci sono diversi colpevoli nel secondary ticketing secondo l’Antitrust e uno di questi è Ticket One. L’Autorità garante della concorrenza e del mercato ha infatti sanzionato con una cifra complessiva di un milione e 700mila euro la famosa agenzia di vendita online di biglietti per i principali eventi musicali, sui quali deteneva l’esclusiva.

Il fenomeno si è verificato specialmente prima dei concerti con maggiore richiesta di posti che si sono svolti su tutto il territorio nazionale, dagli One Direction ai Coldplay, dai Red Hot Chili Peppers a Bruce Springsteen, passando per Ed Sheeran, Adele e Renato Zero. Secondo l’Autorità, il professionista “non avrebbe agito con diligenza nel proprio ruolo di esclusivista nella vendita dei biglietti online e nel rispetto degli specifici obblighi contrattuali”. Ticket One, infatti, non avrebbe adottato le giuste contromisure per gli acquisti automatizzati dei biglietti e non avrebbe eseguito gli opportuni controlli una volta che questi acquisti erano stati effettuati.

PERCHE’ L’ANTITRUST HA SANZIONATO TICKET ONE?

I rivenditori di secondo livello, in questo modo, avevano gioco facile a prenotare un elevato numero di tagliandi e a rimetterli sul mercato a prezzi maggiorati. La denuncia sarebbe partita dalle tantissime segnalazioni di utenti che, in occasione dei principali concerti, si lamentavano dell’eccessiva rapidità con cui risultavano esauriti i biglietti venduti online da Ticket One e la contestuale messa in circolo degli stessi, attraverso il secondary ticketing, a prezzi più alti.

LEGGI ANCHE: “Le Iene e lo scherzo di J-Ax a Fedez: il rapper scoppia in lacrime”

Si tratta, quindi, di una decisione destinata a cambiare le dinamiche della vendita dei biglietti per i grandi eventi. Le agenzie che, come Ticket One, si impegnano nella commercializzazione online di questi prodotti dovranno ora adattarsi a un fenomeno sempre più dilagante, che sta colpendo in maniera significativa il mondo della musica, i suoi appassionati e anche i suoi operatori.

(FOTO: VINCENZO TERSIGNI/ANSA)