Budoni
|

Budoni, Lu Xian Cha uccisa con una dozzina di coltellate nel suo negozio durante una rapina

Budoni, Lu Xian Cha è stata uccisa nel suo negozio con ben undici coltellate, a quanto risulta dalle prime ricostruzioni sulle indagini. La commerciante cinese, madre di due bambini, ha perso la vita probabilmente durante una rapina. Lo pensano gli inquirenti in base al ritrovamento della cassa rovesciata del negozio, un esercizio commerciale collocato nel centro cittadino della località della provincia di Sassari, nota anche come centro turistico. L’omicidio è avvenuto intorno alle ore 19, ed è stato scoperto da un cliente, che ha notato il cadavere insanguinato della donna. L’uomo era entrato nel negozio di Budoni, in via Emilio Lussu, per comprare alcuni piatti e ha immediatamente avvertito le autorità quando ha visto quanto successo. Il cliente era rimasto colpito dal mancato saluto di risposta quando è entrato nel negozio. Lu Xian Cha viveva a Posada, in provincia di Nuoro, città confinante con Budoni, insieme al marito, anch’egli negoziante a Budoni, e due bambini di 11 e 5 anni. Secondo la Nuova Sardegna le prime ricostruzioni del delitto evidenziato come Lu Xian Cha sia stata colpita in diverse parti del corpo: petto, braccia, gambe, probabilmente ferite perché la donna tentava di difendersi dal suo assassino. Le ultime pugnalate sono state scagliate contro gola e bocca, e sono state letali. Il corpo di Lu Xia Chan è stato trovato immerso nel sangue, accanto al registratore di cassa con i cassetti vuoti. Nelle ore successive all’omicidio è partita un’imponente caccia all’uomo, in particolare nelle zone tra Gallura e Baronia, per arrestare l’assassino di Lu Xia Chan.

Foto copertina: ANSA/MARIA GIOVANNA FOSSATI