Davide Casaleggio
|

Davide Casaleggio, la presa del M5S da parte del figlio del fondatore

Davide Casaleggio appare sempre più il leader del Movimento 5 Stelle. Il figlio del fondatore del M5S, Gianroberto, ha rotto il suo silenzio mediatico. Dopo l’intervista di inizio settimana inviata al Corriere della Sera, questa sera Davide Casaleggio sarà per la prima volta intervistato in televisione. Casaleggio junior parteciperà a Otto e mezzo di Lilli Gruber. L’intervista sarà preparata come di consueto dallo staff di comunicazione del M5S, guidato da Rocco Casalino. Un battesimo in un talk show che segna una distanza ormai plastica coi 5 Stelle degli esordi, polemici contro la partecipazione dei politici in TV fino a negare ai parlamentari la possibilità di andarci. Dopo le europee deludenti del 2014 M5S è però ormai costantemente in televisione, e sembra che anche Davide Casaleggio possa diventare un volto come lo sono ormai Alessandro Di Battista o Luigi Di Maio. Matteo Renzi ha definito la lettera di Davide Casaleggio al Corriere della Sera come il primo chiaro segnale della sua leadership del M5S. Un’affermazione con un fondo di verità, visto che l’imprenditore milanese che guida l’azienda fondata dal padre, la Casaleggio Associati, è sempre più protagonista.

LEGGI ANCHE > La lettera di Davide Casaleggio al Corriere: «I vecchi partiti come Blockbuster, M5S come Netflix»

La convocazione del convegno di Ivrea in ricordo di Gianroberto Casaleggio, “SUM #01 – Capire il Futuro”, appare un evidente tentativo di mettere in comunicazione il mondo dei 5 Stelle con un establishment istituzionale, economico e finanziario di solito preso di mira dai grillini. Il M5S è il primo partito del Paese nei sondaggi, amministra alcune delle più importanti città italiane, a partire da Roma e Torino, ed è il favorito per le prossime elezioni politiche. Davide Casaleggio supervisionerà il processo politico di formazione della lista e di stesura del programma, mentre Beppe Grillo tornerà probabilmente a un ruolo più attivo sul territorio. La gestione organizzativa del M5S ha spinto l’imprenditore milanese a un ruolo pubblico sempre più pronunciato, dopo anni di riservatezza. A fine 2016 è stata aperta una pagina Facebook, aggiornata in modo costante anche se non frequente, e ora arriva l’esordio in TV.