Matteo Renzi
|

Congresso PD, netta vittoria di Renzi su Orlando ed Emiliano. Dati e percentuali ancora incerti

Matteo Renzi ha vinto in modo netto le convenzioni di circolo, la prima fase del congresso PD che si concluderà con le primarie del 30 aprile e la successiva elezione del segretario da parte della nuova assemblea nazionale, convocata per il 7 maggio. Il dato politico è chiaro, quello numerico no. I risultati del voto degli iscritti saranno ufficializzati domani dalla commissione congressuale, mentre per ora giungono numeri contrastanti dalle mozioni. Secondo i sostenitori di Matteo Renzi il segretario uscente ha prevalso con quasi il 70% dei voti, in un congresso piuttosto partecipato, con circa 230/250 mila votanti. Numero di votanti in calo rispetto al 2013, ma con un’affluenza più alta, vicina al 60%. Andrea Orlando avrebbe preso secondo questi dati meno del 25%, mentre Michele Emiliano avrebbe superato di poco la soglia di sbarramento del 5%, fissata per consentire l’accesso alle primarie aperte a tutti. Secondo le informazioni diffuse dalla mozione Orlando, che contesta la parzialità dei dati comunicati, il ministro della Giustizia sarebbe vicino al 60%, con Michele Emiliano sicuro di superare la soglia del 5%, e Renzi di poco sopra al 60%. I votanti complessivi sarebbero invece circa 200 mila, con un calo piuttosto significativo rispetto al congresso del 2013, quando gli iscritti che parteciparono al congresso furono poco meno di 300 mila.

LEGGI ANCHE > Primarie PD 2017, Matteo Renzi domina il voto nei circoli

A livello locale emerge la forza di Matteo Renzi al Sud, in netto contrasto con il congresso 2013, con alcune eccezioni come Puglia, Abruzzo o Basilicata dove Michele Emiliano è stato molto più competitivo rispetto al dato nazionale. Andrea Orlando ha conquistato alcune città ma è stato sconfitto in tutte le metropoli italiane, in alcune anche a sorpresa, come a Bologna e Roma, mentre a Milano la freddezza di Sala verso Renzi non ha limitato l’ampio successo del segretario uscente. Matteo Renzi è andato molto bene, con percentuali superiori al 70% nella sua Toscana, in Umbria e nelle Marche, così come ha prevalso in modo chiaro in Lombardia, Piemonte e Veneto. Andrea Orlando è rimasto vicino al segretario uscente solo nella sua Liguria. Michele Emiliano potrebbe vincere in Puglia, l’unica regione dove Matteo Renzi non ha superato il 50%.

Foto copertina: ANSA/ CROCCHIONI