Alessandro Di Battista incontra Beppe Grillo dopo il caso Genova

Alessandro Di Battista

Faccia a faccia tra i due esponenti pentastellati

Alessandro Di Battista si è incontrato con Beppe Grillo all’hotel Forum di Roma. Il leader del M5S è nella capitale, dove ieri sera si è incontrato con Luigi Di Maio e un altro deputato penstastellato, Sorial. Questa mattina invece l’incontro è stato riservato al solo Di Battista. Dopo esser uscito dall’albergo il deputato più famoso del Movimento 5 Stelle si è così rivolto ai tanti giornalisti che stavano ponendogli domande in merito al suo incontro con Beppe Grillo.

Trasformate una questione relativa alla lista certificata o non certificata in un caso nazionale nel giorno in cui Pd e Fi salvano Minzolini, Buzzi, le banche. In un Paese normale tutte le telecamere dovrebbero stare fuori dal tribunale Di Roma per capire il sistema Di corruzione Pd-corruzione-Buzzi

 

Leggi anche: Alessandro Di Battista con Grillo: «Spetta a lui cacciare le mele marce dal M5S»

Alessandro Di Battista ha poi rimarcato di aver parlato di Consip con Beppe Grillo, una probabile ironia sulla poca attenzione dedicata dai media all’inchiesta che riguarda Luca Lotti e diversi manager vicini a Matteo Renzi. L’incontro tra Grillo e Di Battista arriva dopo le polemiche, negate ma evidenti, suscitate dalla decisione del leader di annullare le comunarie di Genova dopo la vittoria di Marika Cassimatis. Il giorno successivo alla scelta del fondatore del Movimento erano trapelati i disagi di Di Battista così come di diversi parlamentari. Le perplessità di uno dei volti simbolo del M5S avevano creato una diffusa attenzione sui social media, che avevano spinto Di Battista a smentire i giornali sul suo seguitissimo profilo Facebook.

Mentre si scambiano i favori per Lotti e Minzolini. Mentre le mani di Renzi arrivano alle nuove nomine pubbliche, mentre il governo ammette il fallimento sui voucher per boicottare il referendum i “restroscenisti” (l’ultima evoluzione di quei giornalisti incapaci di trovare notizie) si occupano di me sostenendo che avrei finito la pazienza con Beppe, avrei dubbi sul Movimento, avrei smesso di avere voglia di lottare. Cosa non si fa per coprire le vergogne dei partiti non è vero? Volate alto, sono gli ultimi colpi di coda di un sistema morente. Ci vediamo domani a Torino. Come sempre in piazza a portare avanti le nostre proposte su banche, risparmio e reddito di cittadinanza. P.S. Per fortuna ci sono tanti giornalisti che cercano i fatti, quelli per esempio che continuano ad occuparsi dell’appalto Consip (il più grande d’Europa).

Foto copertina: ANSA/ CLAUDIO PERI

Tag: ,