Scambio di salme a Milano, per 16 anni porta i fiori sulla tomba sbagliata

scambio salme milano

La scoperta al Cimitero Maggiore

Partecipare al funerale di una salma sconosciuta. E portare per 16 anni fiori sulla tomba sbagliata. È quanto accaduto ad una donna di Milano, che al Cimitero Maggiore di Musocco, durante la riesumazione del cadavere di suo padre, deceduto nel 2000 dopo una terribile malattia, si è accorta che dentro la bara non c’era il suo familiare. Lo racconta oggi Rossella Verga sul Corriere della Sera:

Durante la riesumazione è la figlia del defunto ad accorgersi che qualcosa non va. «C’era solo uno scheletro irriconoscibile — racconta — ma da alcuni particolari ho capito che non poteva essere papà. Ho notato, tra l’altro, che c’erano dei capelli, lunghi, e mio padre era calvo quando è morto. L’ho segnalato agli operatori del cimitero e mi è stato risposto che c’era anche la targhetta con il nome, e che quindi non si poteva trattare di un’altra persona. In effetti, la targhetta era lì e c’era scritto nome e cognome di mio padre. Ma subito dopo ci siamo accorti che c’era una calza lunga, che è stata sfilata dal femore. A quel punto abbiamo bloccato tutto».

LEGGI ANCHE: Dieci anni sotto scorta, l’urlo di Saviano: «Maledetti bastardi, sono ancora vivo»

 

SCAMBIO SALME MILANO, DENUNCIA DEI FAMILIARI

La famiglia ha poi presentato denuncia ai carabinieri di Musocco. Il Comune annunciato verifiche per risalire alle responsabilità.

(Foto di copertina: ANSA / ETTORE FERRARI)

Tag: