suicidio terremoto
|

Camerino, edicolante 31enne si suicida per i danni economici del terremoto

Dramma a Camerino, in provincia di Macerata, nelle Marche. Adriano Pieretti, un commerciante di 31 anni originario di Osimo si è suicidato impiccandosi in casa. Era titolare dell’edicola davanti alle scuole della città, istituti che sono rimasti chiusi a causa del terremoto dello scorso 24 agosto.

 

suicidio terremoto
(Immagine da Facebook)

 

LEGGI ANCHE: Figli di immigrati, l’appello ai senatori: «Cambiateci la vita, siamo senza cittadinanza»

 

CAMERINO, EDICOLANTE SUICIDA PER I DANNI ECONOMICI DEL TERREMOTO

Adriano si è probabilmente tolto la vita proprio per i danni economici del sisma. La chiusura delle scuole ha causato un calo delle vendite. E anche il negozio di estetista in cui lavora la fidanzata, sua convivente, dal 24 agosto è rimasto chiuso a causa del terremoto. Inequivocabili le parole che il 31enne ha scritto sfogandosi su Facebook due giorni prima di compiere il gesto estremo (commentando la notizia dell’esclusione di Camerino dal cratere sismico). «Che dire… ho la ragazza che dal 24 agosto non lavora, per il negozio distrutto, con un mutuo dietro, e sti pagliacci ci hanno messo fuori….è proprio un’Italia di m….». Sull’accaduto ora indagano i carabinieri. Intanto sulla bacheca Facebook per Adriano numerosi messaggi di conoscenti e non.

(Immagine da Facebook)

TAG: Terremoto