Virginia Raggi dipartimenti
|

Virginia Raggi cambia i dipartimenti in Campidoglio: cancellato quello sulle periferie

Virginia Raggi si appresta a riformare i dipartimenti in Campidoglio e oggi Repubblica Roma anticipa i cambiamenti della sindaca 5 stelle sottolineando come verrà cancellato il “Dipartimento Politiche delle periferie, sviluppo locale, formazione e lavoro” voluto da Veltroni.

Riporta Repubblica Roma:

E come primo atto sopprime il “Dipartimento Politiche delle periferie, sviluppo locale, formazione e lavoro” — creato dalla giunta Veltroni per dare un segnale forte ai quartieri di cintura, proprio là dove il M5s ha fatto il pieno di voti — distribuendo le varie funzioni sotto due assessorati diversi. Una decisione che neppure Alemanno aveva mai osato prendere.

Non è l’unica novità nel riassetto prefigurato dalla Raggi. Intanto perché tutti i sindaci che l’hanno preceduta, da ultimo Ignazio Marino, hanno varato a pochi mesi dall’insediamento «il riordino delle strutture capitoline». Che però stavolta, sostiene l’avvocata grillina, «valorizzerà merito, trasparenza, produttività, producendo innovazione e risparmi». Come? Attraverso la procedura dell’interpello: in sostanza, per ricoprire gli incarichi da assegnare e sarà quindi scelto in base al proprio curriculum e alle proprie motivazioni»qualunque dipendente ritenga di possedere i requisiti per dirigere un ufficio o un dipartimento, «avrà la possibilità di proporsi. Ma alla fine a individuare il “vincitore” fra i concorrenti in lizza, sarà comunque la sindaca, a sua completa discrezione.

LEGGI ANCHE: M5S, lite sul regolamento e sospetti: «Voto online pilotato dalla Casaleggio»

VIRGINIA RAGGI DIPARTIMENTI ATTIVI PER TUTELARE I 23 MILA LAVORATORI

Cambia anche il regolamento sugli uffici di Roma Capitale. E quello che stava facendo il suo predecessore Inazio Marino subisce ulteriori cambiamenti:

Con la nota inviata ai sindacati da Raffaele Marra, il capo del personale che per conto di Raggi sta mettendo a punto la macrostruttura comunale, non solo si cancella il Dipartimento periferie, che verrà smembrato tra l’ Urbanistica e «l’istituendo Dipartimento turismo – formazione e lavoro», ma pure l’Ufficio città storica, finora governato dall’Urbanistica, viene diviso in due e passa in parte alla Sovrintendenza capitolina, in parte ai Lavori pubblici.

In compenso vengono create tre nuove strutture di vertice, con relativa dotazione dirigenziale: il Dipartimento turismo, di cui s’è già detto; il Dipartimento sport e politiche giovanili, che nasce nonostante il no alle Olimpiadi; soprattutto i Mercati all’ingrosso, destinati a riunire in una «struttura autonoma» il Centro carni, il Centro fiori e le aziende agricole, tutti avviati dalla giunta Marino alla dismissione. La prova dello stop impresso dalla Raggi alla vendita delle partecipazioni non strategiche del Campidoglio. Nonostante il Centro carni perda circa 2 milioni l’anno; il Centro fiori 700mila euro; le aziende agricole più o meno altrettanto.

(in copertina foto TIZIANA FABI/AFP/Getty Images)