Galaxy Note 7
|

Galaxy Note 7: sospesa la produzione dopo i casi di combustione

Galaxy Note 7, Samsung ha deciso di sospendere in via temporanea la produzione e la distribuzione. È arrivato quindi lo stop da parte della casa madre: questa l’anticipazione diffusa dall’agenzia Yonhap. Decisivi gli ultimi episodi di combustione, i nuovi smartphone del colosso sudcoreano hanno infatti continuato a prendere fuoco. Tra i casi citati dalla stampa internazionale quello che ha coinvolto un uomo a Nicholasville, in Kentucky: si è svegliato in piena notte trovando il telefono in fiamme e la camera piena di fumo, è stato poi portato in ospedale a causa dell’insorgere di una bronchite acuta legata all’inalazione.

LEGGI ANCHE


Samsung Galaxy Note 7, il grosso guaio del gigante sudcoreano

GUARDA LA GALLERY:

L’ultimo caso segnalato è avvenuto a Houston, in Texas. A nulla sono serviti i richiami del Galaxy Note 7: le combustioni si sono ripresentate dopo la sostituzione dei prodotti valutati come difettosi. Scrive Tomshw:

Per Samsung è innegabilmente un danno di immagine ed economico enorme, che segue un già pesantissimo primo richiamo. Il nome Note 7, se non l’intero brand Note, è ormai compromesso. Non resta che attendere una nota ufficiale: Samsung cancellerà il prodotto o tenterà un secondo richiamo e nuove consegne? Sembra un azzardo, la fiducia dei consumatori è ai minimi termini.

Photocredit copertina George Frey/Getty Images