ragazzo down multato
|

Il controllore non perdona il ragazzo down: multato perché ha il biglietto sbagliato

Il controllore non perdona il ragazzo down. Che viene multato perché ha il biglietto sbagliato. È quantoaccaduto ieri a Reggio Emilia. Lo ha raccontato oggi Il Resto del Carlino. A denunciare l’accaduto è stata la madre del passeggero. Il ragazzo down aveva pagato e obliterato il suo biglietto su un autobus della Seta, ma per un tragitto più breve di quello che stava percorrendo, probabilmente per un’incomprensione col bigliettaio che gli aveva venduto il ticket. Il ragazzo con sindrome di down, che da qualche tempo utilizzava in autonomia il mezzo di trasporto pubblico, è stato dunque multato dal controllore (sanzione poi annullata).

 

LEGGI ANCHE: Stefano Cucchi, lo strano caso del perito nient’affatto super partes

 

RAGAZZO DOWN MULTATO, LA MADRE: «AVVILENTE»

La madre del passeggero multato, costernata, ha denunciato l’accaduto in un lungo post pubblicato su Facebook. Poi l’azienda ha contattato la famiglia per scusarsi. La mamma nel suo sfogo sul social spiega che il ragazzo «è rientrato a casa balbettando, faticando a spiegarmi l’accaduto perché agitato, e chiedendomi di non fargli più prendere il tram». «Nonostante gli entusiasmi per le vittorie olimpiche, i grandi proclami – ha scritto – le giornate mondiali e nazionali, le foto ed i video più o meno commoventi, è sempre molto avvilente constatare come la diversa abilità esca sconfitta dal confronto con la quotidianità».

Sull’accaduto è intervenuto anche Massimo Giaroli, presidente della Fondazione ‘Durante Dopo di Noi’ di Reggio Emilia, ha dichiarato: «Educarli all’autonomia è un’impresa collettiva. Non vuol dire guardarli con sguardo pietistico, non vuol dire accettare comportamenti non corretti, ma vuol dire saper accompagnare e stimolare a comportamenti corretti, in modo adeguato». «Non è facile e implica un lavoro educativo sempre più vasto, perché (per fortuna) sempre più persone con disabilità escono», ha spiegato, aggiungendo che «se davvero riteniamo importante favorire al massimo, nei limiti del possibile, l’autonomia delle persone portatrici di handicap, occorre che ci sentiamo tutti coinvolti e che in un certo senso si sentiamo e diventiamo tutti ‘addetti ai lavori’. Questi temi riguardano i diritti di cittadinanza».

RAGAZZO DOWN MULTATO, LA SANZIONE SARÀ ANNULLATA

La Seta, Società Emiliana Trasporti Autofiloviari, è il gestore unico del servizio di trasporto pubblico locale su gomma nei territori delle province di Modena, Reggio Emilia e Piacenza. Il direttore Roberto Badalotti, dopo le scuse ai familiari che sono state immediatamente rivolte dal sindaco di Reggio Luca Vecchi e da quello di Albinea (il Comune in cui risiede il ragazzo down), Nico Giberti, ha annunciato che la multa sarà annullata. «Incontrerò il ragazzo multato nei prossimi giorni – ha detto il sindaco Vecchi – perché vorrei che ritrovasse presto la forza e la voglia di salire su quell’autobus. Perché quell’autobus è casa sua».

(Immagine generica di un bus e di un biglietto da archivio Ansa. Credit foto: EPA / STRINGER LATVIA)