urbano cairo
|

Cairo confermato presidente Rcs: «È presto per un piano industriale, Corriere a 1 euro è un’ipotesi»

Stamane l’assemblea dei soci di Rcs ha nominato il nuovo consiglio di amministrazione targato Urbano Cairo a 11 componenti. L’editore (socio di maggioranza) è stato confermato presidente. E sono stati eletti anche Gaetano Miccichè, Marco Pompignoli, Stefano Simontacchi, Stefania Petruccioli, Maria Capparelli, Alessandra Dalmonte. Per le minoranze sono entrati invece Diego Della Valle, Marco Tronchetti Provera, Carlo Cimbri e Veronica Gava. Il nuovo azionista di maggioranza di Rcs Cairo si era già insediato al vertice della società, come presidente e amministratore delegato, il 3 agosto scorso, quando aveva portato con sè in consiglio anche Pompignoli e Petruccioli, cooptati in sostituzione di altri amministratori.

 

LEGGI ANCHE: WhatsApp, Facebook, Skype, YouTube… quanto ci fanno risparmiare ogni anno?

 

CAIRO PRESIDENTE RCS: «MAI FATTO GUERRA CON SOCI DI MINORANZA»

«Se ho fatto pace con i soci di minoranza? Io non ho mai fatto la guerra», è stata una delle dichiarazioni rilasciate da Cairo dopo l’elezione del nuovo cda. «Rispetto grandemente le minoranze, abbiamo aumentato i posti in Cda a 11, abbiamo aumentato i posti delle minoranze. L’unica cosa che conta è il bene di questa azienda. È il mio obiettivo, io non faccio guerre a nessuno. Mi piace lavorare per portare buoni risultati». Dai consiglieri di minoranza – ha aggiunto – «mi aspetto atteggiamento costruttivo».

CAIRO PRESIDENTE RCS: «AUMENTO DI CAPITALE ESTREMA RATIO»

Per quanto riguarda poi il nuovo piano industriale di Rcs Cairo ha detto che servirà ancora del tempo per dare indicazioni. «Non è sufficiente il tempo che ho passato alla guida. Ci vuole ancora un po’ di tempo – ha detto a margine dell’assemblea dei soci -. Le idee le ho, le sto chiarendo. Prima di parlare di quando comunicheremo un piano datemi ancora qualche settimana». Per Cairo un nuovo aumento di capitale della società sarebbe solo una ‘estrema ratio’. «Secondo me è una cosa che fai come estrema ratio. Agli azionisti abbiamo già chiesto 450 milioni. Prima di pensare una cosa del genere vediamo prima tutto quanto possiamo fare come efficientamento e valorizzazione dei nostri conti».

CAIRO PRESIDENTE RCS: «CORRIERE A 1 EURO RESTA IPOTESI»

Resta per ora solo un’ipotesi l’idea di tagliare ad 1 euro il prezzo del Corriere della Sera, in via promozionale, per qualche tempo, come aveva paventato proprio Cairo nei mesi scorsi. «Se faremo il cut price vediamo, non è sicuro però è un’ipotesi – ha detto il presidente – prioritario è ora mettere a posto i giornali, valorizzarli e comunicare le loro qualità e ricchezza». Il paywall del sito del Corriere della Sera, per il momento, rimane. «Per quello che ho visto sicuramente il paywall rimane – ha detto ancora Cairo – da quello che ho visto non mi sento per ora di metterlo in discussione».

(Foto di copertina: Massimiliano Ferraro / Pacific Press via ZUMA Wire)