roberto recchioni
|

Roberto Recchioni: «Vogliamo riportare Dylan Dog in mezzo alla gente» | VIDEO

Incontriamo Roberto Recchioni, curatore di Dylan Dog, nel suo angolo privilegiato di lavoro, quello Uno Studio in Rosso in cui c’è il meglio del fumetto romano, giovani maestri che hanno formato un “pack” all’americana di sceneggiatori e disegnatori. E’ l’unica vera grande rockstar delle nuvole parlanti, ha rivoluzionato la vita e l’immagine dell’inquilino di Craven Road, portando l’indagatore dell’incubo nel presente e cercando di dargli un nuovo futuro. Lo fa tornando alle origini, ritrovando quel Dylan politicamente scorretto e outsider dello Sclavi che l’ha partorito e che della sua new wave è il sodale.

Il ritorno al passato è anche nel cercare di nuovo un bagno di folla per Dylan Dog, “riportarlo in mezzo alla gente”, com’era con la Dylan Dog Horror Fest. E lo fa, Recchioni, con tutto il suo team e quello della Bonelli, il 26 settembre, giorno d’uscita dell’albo Mater Dolorosa, celebrativo del trentennale e anche nuovo inizio del nostro (anti)eroe, ci sarà il Dylan Dog Horror Day.

roberto recchioni
Mater Dolorosa. Storia di Roberto Recchioni e disegni di Gigi Cavenago. Il nuovo albo di Dylan Dog arriverà in edicola il prossimo 29 settembre

> IL PROGRAMMA DEL DYLAN DOG HORRO DAY

Zombie, Groucho, l’Old Boy, non mancherà nessuno. Recchioni ci dà un’anticipazione di cosa sarà quel pazzo giorno di festa e di condivisione. Il nostro consiglio è di non mancare. Chissà, Milano potrebbe trasformarsi in Golconda.