bufala portachiavi
|

La bufala dei portachiavi con i microchip regalati dai ladri per rubarti in casa

Attenzione. Non esiste nessun comunicato della Ascom. Non ci sono portachiavi con il microchip e ladri che ti inseguono fino a casa. O perlomeno non c’è una gang di romeni con questa strategia. Eppure lo status è diventato virale. Su Facebook vi sarà già capitato di incappare in questo genere di post:

Comunicato ASCOM
ATTENZIONE,
IN QUESTI GIORNI VENGONO DISTRIBUITI DEI PORTACHIAVI DA AGGANCIARE ALL’INTERNO DELLA VOSTRA AUTO; LE PERSONE VE LI OFFRONO GRATUITAMENTE PRESSO I PARCHEGGI O I DISRIBUTORI DI CARBURANTE. NON ACCETTATELI…ESSI CONTENGONO UN MICROCHIP ALL’INTERNO DEI GADGET.
QUESTI DELINQUENTI POI VI SEGUONO FINO A CASA E VENGONO A CONOSCENZA DEI VOSTRI MOVIMENTI PER EFFETTUARE INTRUSIONI E FURTI.
SECONDO LA POLIZIA SI TRATTA DI BANDE DI RUMENI.
DIVULGARE, PER LA SICUREZZA, ANCHE AI VOSTRI PARENTI.
Fallo girare

LEGGI ANCHE: La bufala di Massimo Boldi nei panni di Berlusconi nel prossimo film di Sorrentino

Si tratta di una bufala vecchia. Di molti anni. Spiegava Attivissimo sul suo blog nel 2012:

A prima vista quest’appello è di una stupidità così terminale che verrebbe voglia di negare l’accesso a Internet (e a qualunque cosa più tecnologica di una pietra di selce) a chiunque lo inoltri credendoci. Ma a guardar bene è talmente bislacco che ha un suo fascino morboso, anche perché rivela quanto sia preoccupantemente diffuso il pensiero magico a proposito della tecnologia. Tanta gente vive circondandosi di gadget, dall’apricancello allo smartphone al forno a microonde, ma non ha la più pallida idea di come funzionino. L’esempio classico è quello di chi si lamenta che non vuole le antenne dei cellulari e poi si lamenta che non c’è campo per telefonare.

Pensateci un attimo. Questi ipotetici ladri disseminatori di portachiavi avrebbero una tecnologia che non solo sarebbe degna di James Bond (sensore di presenza più GPS più trasmettitore più alimentazione, tutto dentro un portachiavi), ma costerebbe talmente poco che la regalano. Come funzioni, questa tecnologia, non si sa: ma la notizia arriva “da fonte sicura”. Fonte che però non è specificata. Tanto valeva scrivere “me l’ha detto mio cuggino.” Se avete amici che credono a qualunque cosa sia accompagnata dalle parole “da fonte sicura” e basta, ricordate loro che a Roma c’è una bella fontana che aspetta solo di essere venduta, affarone garantito. Garantito da fonte sicura, s’intende.

Non si capisce come il portachiavi faccia a segnalare la presenza in casa. Come la rileva? Se lo ficco in un cassetto, come fa a sapere se c’è qualcuno in casa? Come trasmette? Che portata ha? Quanto durano le batterie? È mai possibile che ci siano bande di ladri che passano ore a monitorare migliaia di gingilli elettronici in attesa che qualcuno di essi dia il segnale giusto? E questi trasmettitori non causano interferenze, che magari la Polizia Postale o i radioamatori saprebbero rilevare?

(Photo credit should read JEAN CHRISTOPHE MAGNENET/AFP/Getty Images)

TAG: Bufala