Paola Muraro dimissioni
|

Paola Muraro: ho già offerto a Virginia Raggi le mie dimissioni, ma non sono un mostro

Paola Muraro ha già offerto le dimissioni a Virginia Raggi. Lo afferma l’assessore all’Ambiente in un’intervista al Messaggero, in cui racconta le vicende di queste settimane assai difficili per la giunta M5S a Roma. Un aiuto all’amministrazione capitolina potrebbe arrivare dall’economista Nino Galloni, disponibile a fare l’assessore al Bilancio, anche se alcune sue posizioni, come l’appoggio alle Olimpiadi o un eventuale collegamento con la massoneria subito smentito, sembrano ostacolare la sua corsa.

L’INTERVISTA DI PAOLA MURARO

Paola Muraro è fiduciosa sul fascicolo di indagine aperto dalla procura di Roma, descrivendosi come molto tranquilla, e rimarca come abbia incontrato solo due volte nella sua vita Manlio Cerroni. Convinta che il lavoro della magistratura chiarirà il suo operato, al Messaggero l’assessore all’Ambiente evidenzia di non essere un mostro, ed esprime perplessità per l’inferno mediatico scatenato nei suoi confronti.

Capisco l’apprensione della stampa per sapere se la Muraro si dimette, sono passata come un mostro ma sto bene. In ottima salute…Io sono a disposizione (della Procura, ndA), lavoro tutti i giorni. Cosa devo fare, incatenarmi a piazzale Clodio? Quando i magistrati lo vorranno, eccomi, sono a disposizione.

Paola Muraro conferma di aver offerto nelle ore più tempestose la disponibilità a dimettersi al sindaco Virgina Raggi, con cui ha avuto un colloquio molto franco. Il primo cittadino romano le ha ribadito la sua fiducia.

LEGGI ANCHE

La Giunta di Virginia Raggi a Roma: la squadra degli assessori (e le esclusioni dell’ultim’ora)

NINO GALLONI ASSESSORE AL BILANCIO?

Per ora Paola Muraro rimane al suo posto, anche se nel M5S molti parlamentari vorrebbero le sue dimissioni, così come è nota l’ostilità di Grillo e Casaleggio nei suoi confronti. Problemi con la linea nazionale pentastellata potrebbero essere provocati dalla nomina di Nino Galloni ad assessore al Bilancio. Stimato economista di formazione keynesiana, figlio di un ex ministro Dc e allievo di Federico Caffè, ex dirigente del ministero del Lavoro come docente universitario, Galloni ribadisce al Corriere della Sera sua disponibilità a entrare nella giunta Raggi. L’economista smentisce che l’associazione di cui fa parte, Movimento Roosevelt, abbia legami con la massoneria, mentre non tace eventuali problemi con il M5S. Galloni è favorevole alle Olimpiadi, e ciò potrebbe provocare tensioni.