baby gang napoli
|

Napoli, nel baby clan anche un bambino di 8 anni

C’era anche un bambino di 8 anni nel gruppo di minorenni che nella serata di sabato, a Napoli, in piazza Cavour, hanno picchiato a sangue un ragazzo di 15 anni. Il piccolo è un romeno e insieme ad altri 4 componenti della baby gang è stato già identificato dagli uomini della Polizia Municipale (per altri la fase di identificazione è ancora in corso). Per i ragazzini è scattata la denuncia in stato di libertà per lesioni personali e minacce con l’aggravante dei futili motivi e dell’odio razziale.

 

LEGGI ANCHE: Mafia, camorra, ‘ndrangheta: la mappa di oltre 550 clan e famiglie | Gallery

 

NAPOLI, BIMBO DI 8 ANNI NELLA BABY GANG

Il leader del baby clan è un napoletano di 17 anni. E nel branco c’era anche una ragazza, 15enne. Tutti i minori provengono da contesti di disagio e abitano tra i vicoli della Sanità e della zona di piazza Cavour. Lo racconta oggi Nico Falco sul Mattino di Napoli:

Si tratta di una delle tante baby gang che si muovono nel centro storico, formatasi in quelle aree dove è sempre più massiccia la presenza di cittadini rom che si mescolano al sottobosco microcriminale partenopeo e organizzata in gerarchie e seguendo lo schema della malavita quando si parla del “mondo dei grandi”: capo napoletano, manovalanza straniera. L’episodio di cui i cinque ragazzini sono accusati risale alla sera di sabato scorso, quando due giovanissimi ucraini, anche loro minorenni, sono stati affrontati in piazza Cavour da un gruppo formato da una decina di coetanei. «Colpa» dei ragazzi, l’essere stranieri ed aver osato camminare in un posto dove, urlavano i ragazzini, «possono starci soltanto napoletani e rumeni». Un pretesto, una banale scusa per dare il via all’aggressione. Uno dei giovani bersagliati dagli insulti era riuscito a scappare, l’altro, quindici anni, non aveva avuto la stessa fortuna: circondato e bloccato, era stato assalito a calci e pugni.

La vittima del pestaggio ha subito ecchimosi, contusioni e una frattura alla mano. Le conseguenze, come racconta ancora Il Mattino, avrebbe avuto conseguenze più gravi se non fosse subito intervenuta una pattuglia della Polizia Municipale.

(Foto di copertina: giostrine in piazza Cavour a Napoli. Credit: ANSA / CESARE ABBATE)

TAG: Napoli