aereo caduto macedonia
|

Macedonia, precipita un aereo: morti 6 italiani

Sono tutti italiani le vittime dell’incidente del piccolo aereo privato partito alle 14 di ieri da Treviso e precipitato nel pomeriggio in Macedonia, nei pressi di Veles, nella parte centrale del Paese. A bordo c’erano quattro trevigiani e due altri veneti.

AEREO CADUTO IN MACEDONIA, SCHIANTO IN FASE DI ATTERRAGGIO

Stando alle ricostruzioni, il velivolo, un ‘Piper’ registrato in Germania, alle 17.40 è scomparso dai radar di controllo dell’aeroporto di Skopje, dove doveva fare uno scalo tecnico per rifiornirsi di carburante. La destinazione finale era Pristina. Alcuni testimoni, abitanti del villaggio di Vetersko, vicino Veles, hanno raccontato di aver udito un forte boato e di aver visto un’esplosione con fiamme e fumo. Altri ancora hanno invece visto l’aereo in fiamme già prima dello schianto.

 

LEGGI ANCHE: Senza cibo e senza luce: il video dei cuccioli salvati dalla polizia di Ragusa

 

AEREO CADUTO IN MACEDONIA, 6 VITTIME ITALIANE

A bordo c’erano cinque passeggeri più il pilota: Francesco Montagner, presidente dell’Associazione dilettantistica sportiva Aeroclub Treviso. Insiemte a lui anche il vicepresidente dello stesso Aeroclub, Dario Bastasin, i trevigiani Luca Dalle Mule e Ilaria Berti, il padovano Angelo Callegari e Visar Degaj, un kosovaro con cittadinanza italiana. Le sei vittime risiedevano tra le province di Treviso, Padova e Udine. Il viaggio era stato programmato per affari.

Appena appresa la notizia, l’Unità di crisi della Farnesina e l’Ambasciata d’Italia a Skopje si sono immediatamente attivate e sono fin da ieri al lavoro con le autorità locali macedoni per far luce sull’accaduto e ottenere quanto prima la conferma ufficiale del bilancio definitivo e dell’identità delle vittime. L’Ambasciata, come informato dalla Farnesina, sta garantendo inoltre l’assistenza necessaria agli otto passeggeri dei due velivoli che accompagnavano l’aereo precipitato e che sono riusciti ad atterrare nella capitale macedone.

(Foto da archivio Ansa. Credit: EPA / GEORGI LICOVSKI)