Matteo Salvini Fabio Rovazzi
|

Salvini imita Rovazzi: andiamo a governare con la ruspa in tangenziale, che lo prende in giro

Matteo Salvini ha tirato fuori dal cilindro un’altra mossa istrionica per uscire dal cono d’ombra mediatico in cui è scivolato negli ultimi mesi. A una festa della Lega Nord il segretario del Carroccio ha prima evocato il ritornello di «Andiamo a comandare» per poi ballare la canzone tormentone dell’estate. Fabio Rovazzi ha ironizzato su Facebook in merito alla performance ballerina di Salvini, scherzando sul suo addio dopo aver visto un simile filmato.

MATTEO SALVINI IMITA FABIO ROVAZZI

Da un po’ di tempo Matteo Salvini ha preferito rinunciare alla massiccia presenza televisiva che l’ha reso uno dei protagonisti della politica italiana. Il segretario della Lega Nord si è così concentrato durante l’estate sulle iniziative sul territorio, con una particolare attenzione alle feste del Carroccio. Dopo la scivolata sulla bambola gonfiabile dedicata a Laura Boldrini, Salvini si è esibito vicino a Bergamo in una imitazione di Fabio Rovazzi. Prima ha storpiato il ritornello della canzone simbolo dell’estate 2016, trasformandola in: Andiamo a governare, con la ruspa in tangenziale. Poi, insieme a militanti e simpatizzanti leghisti, si è esibito in un balletto, piuttosto scoordinato, sulle note di Andiamo a comandare.

LEGGI ANCHE

Amministrative, il mezzo flop di Salvini. E il Cav si aggrappa a Milano

FABIO ROVAZZI PRENDE IN GIRO MATTEO SALVINI

Il video di Matteo Salvini diffuso da Repubblica è diventato rapidamente virale, ed è stato visto anche da Fabio Rovazzi. Il popolare videomaker, diventato il cantante più amato di quest’estate, l’ha condiviso sulla sua pagina Facebook. Rovazzi ha ironizzato sul fatto che pensava di aver visto tutto nella vita, ma si sbagliava, postando il filmato con Salvini che imita e balla il suo pezzo.

matteo-salvini-fabio-rovazzi-facebook Successivamente ha condiviso una foto di una persona che nuota nel mare, dalle sue fattezze, scrivendo addio in maiuscolo. Neanche l’ironia di Rovazzi è capace di reggere l’imitazione del leader leghista.

matteo-salvini-fabio-rovazzi-addio