ROMA-PORTO FORMAZIONI
|

ROMA-PORTO: le formazioni ufficiali

ROMA-PORTO FORMAZIONI

Non c’è Vermaelen, espulso al minuto 41 della sfida dell’Estadio Do Dragao. Non c’è Florenzi, ancora alle prese con un problema al polpaccio destro. Non c’è Torosidis, dolorante alla coscia. E non ci sono i lungodegenti Rüdiger e Nura – il tedesco in settimana è tornato a correre, prosegue bene il percorso riabilitativo dopo l’infortunio che gli ha fatto saltare gli Europei. La Roma arriva alla sfida decisiva contro il Porto con ben cinque difensori fuori, di cui due titolari: Spalletti farà di necessità virtù confermando Bruno Peres sulla destra, Juan Jesus farà coppia in mezzo con Manolas, a sinistra va Emerson Palmieri («Ha grandi qualità, va fatto giocare tranquillo» le parole del tecnico giallorosso). Meno probabile l’utilizzo di Fazio con l’ex Inter ad agire sulla fascia. In porta consueto ballottaggio Szczesny-Alisson, con l’ex Arsenal in vantaggio- all’andata giocò il brasiliano. Linea mediana titolare con Nainggolan-De Rossi-Strootman e Paredes che torna in panchina. Il belga-indonesiano pronto a salire sulla trequarti e a trasformare il 4-3-3 in 4-2-3-1. Davanti Dzeko con Perotti e Salah, tutti in gol sabato contro l’Udinese. I portoghesi allenati da Nuno Espirito Santo si schierano a specchio – inizialmente più probabile un accorto 4-4-1-1: Casillas tra i pali, Maxi Pereira, Felipe, Marcano e Telles in difesa, a centrocampo Hector Herrera, Danilo Pereira e Andrè Andrè, Otavio, Andrè Silva e Adrian Lopez – sarà quest’ultimo il trequartista con l’altro modulo citato. Altra panchina per Jesus Corona, sette giorni fa entrato a gara in corso. Fuori il nuovo acquisto ex Gent Depoitre, out Martins Indi, Aboubakar e Brahimi.

Ed eccola la formazione ufficiale della Roma, e c’è una sorpresa: De Rossi centrale di difesa, Paredes regista, panchina per Emerson Palmieri

E questo l’undici del Porto, c’è Corona

SEGUI > ROMA-PORTO DIRETTA

SEGUI > ROMA-PORTO DIRETTA STREAMING

guarda la gallery:

LEGGI > ROMA-PORTO: la presentazione

Photocredit copertina FILIPPO MONTEFORTE/AFP/Getty Images