Laura Boldrini eliminazione Lega
|

La consigliera della Lega che invoca l’eliminazione fisica di Laura Boldrini

Laura Boldrini è l’ossessione della Lega Nord. Non è solo Matteo Salvini ad attaccare continuamente la presidente della Camera dei Deputati. Una consigliere comunale del Carroccio ha invocato l’eliminazione fisica di Laura Boldrini su Facebook, una frase che ha scatenato un’ovvia polemica politica, e che potrebbe avere conseguenze penali.

LAURA BOLDRINI DA ELIMINARE FISICAMENTE

Monica Bars è la capogruppo della maggioranza del comune di Munile di Pieve, cittadina da più di 10 mila abitanti della provincia di Venezia. La consigliere comunale leghista si è resa protagonista di un aspro scontro politico a causa di un post su Facebook dove ha richiesto l’eliminazione fisica di Laura Boldrini. Il commento è stato scritto nei giorni successivi al volgare paragone di Matteo Salvini con una bambola gonfiabile. Il caldo estivo e una scarsa conoscenza del concetto di viralità hanno probabilmente spinto Monica Bars a comporre una frase completamente insensata. La consigliere comunale è stata infatti immediatamente redarguita dal suo sindaco, Silvia Susanna, di pubblicare un post di scuse dopo che la polemica era esplosa oltre i confini cittadini.


LEGGI ANCHE

Caro Matteo Salvini dovresti sgonfiarti te, altro che bambola gonfiabile Boldrini

LA LEGA IN DIFESA TITUBANTE DI MONICA BARS

Il caso delle dichiarazioni su Facebook di Monica Bars è diventato problematico per la Lega per due motivi. Il primo sono ovviamente le gravità della frase, mentre il secondo dipende dal peso politico della cittadino. Munile di Pieve è stata amministrata per dieci anni da Gianluca Forcolin, ex deputato della Lega e vicepresidente di Luca Zaia in regione Veneto, oltre che suo assessore al Bilancio. L’esponente del Carroccio su La Repubblica cerca di minimizzare il caso, rimarcando come Monica Bars abbia parlato da mamma, senza voler scatenare oddio, e incolpando Laura Boldrini di «non fare nulla per farsi amare, dice che gli immigrati devono venire qui a educarci e così getta benzina sul fuoco».

L’AVVOCATO DI MONICA BARS SPIEGA LA FRASE CONTRO LAURA BOLDRINI

Sulle dichiarazioni di Monica Bars diversi deputati veneti del PD hanno presentato un’interrogazione al ministero degli Interni. L’avvocato della consigliere comunale leghista è intervenuto sulla stampa per giustificare la sua assistita. Il legale ha rimarcato come l’eliminazione fisica invocata da Monica Bars dovesse essere intesa in senso politico, ovvero come rimozione dagli incarichi politici svolti dall’attuale presidente della Camera. Una spiegazione contorta per evitare risvolti penali derivanti da una dichiarazione inaccettabile per il suo carico di violenza.