Attentato Monaco trappola facebook Ali Sonboly
|

Isis? Razzismo e tendenza al suicidio: ecco le vere ombre nelle menti degli attentatori di Monaco e Ansbach

Odio per i turchi, gli arabi, attrazione per l’estrema destra e turbe psichiche. Questi i dettagli sui killer di Monaco e di Ansbach, attentati avvenuti pochi giorni dopo la strage di Nizza.

LEGGI ANCHE > Cosa accadde a Nizza con decine di morti

ALI SONBOLY IL KILLER DI OLIMPIA ERA FAN DI HITLER

Ali David Sonboly, il killer del centro commerciale Olympia, oltre ad aver agito nel giorno della strage di Utoya si vantava di essere nato nello stesso giorno di Adolf Hitler. Amava la sua origine definita ariana – tedesca e iraniana – e si riteneva superiore a turchi e arabi. Lo racconta
Frankfurter Allgemeine Zeitung (FaZ). Secondo gli inquirenti Alì potrebbe aver selezionato le sue vittime, giovani perlopiù turchi anche se tre di loro, un ragazzo e due ragazze, erano albanesi, del Kosovo.

MOHAMMED DELEL, SUICIDA AD ANSBACH AVEVA UNA GRAVE DEPRESSIONE

Mohammed Delel, il richiedente asilo siriano che si è fatto esplodere ad Ansbach, aveva combattuto sia in Iraq che in Siria, sodale di al Qaeda e l’Isis, aveva pianificato l’attacco da mesi. A riportarlo è Nabaa, magazine settimanale online dell’autoproclamato Califfato. Secondo il ministro dell’Interno della Baviera, Joachim Herrmann, Mohammed avrebbe agito sotto l’influenza di un’altra persona. A dimostrarlo una chat sul cellulare del killer con una fitta interazione a ridosso dell’attentato. Secondo quanto riporta la Bild il richiedente asilo aveva più volte manifestato il desiderio di uccidersi. Dalel avrebbe progettato il suo suicidio in maniera spettacolare, anche perché, dopo la morte della moglie e del figlio di 6 mesi, non aveva più nulla da perdere. Bild racconta del suo ricovero all’ospedale di Ansbach qunado fu ospitato in evidente stato di ebrezza ubriaco e con diversi tagli al braccio sinistro. In un rapporto dell’11 febbraio si riporta la sofferenza del paziente: «una grave depressione unita a una duraturi intenti suicidi».

(in copertina una foto di Ali Sonboly, il killer di Monaco)