laura boldrini nizza
|

La bufala di Laura Boldrini su Nizza: «L’attentato colpa dei cristiani che non si integrano»

Sembra impossibile ma non lo è: c’è chi, dopo gli orrori di Nizza riesce a costruire un post, diventato virale sui social, attribuendo alla presidente della Camera Laura Boldrini frasi che non ha mai pronunciato:

“L’attentato a Nizza colpa dei cristiani che non si integrano”

Guarda anche > Il motociclista eroe che ha provato a fermare il camion della strage a Nizza | VIDEO

LAURA BOLDRINI NIZZA E LA BUFALA FATTA PER LE CONDIVISIONI SU FACEBOOK

La bufala è stata debunkata da Bufale.net, che spiega come tutto sia partito da un sito generatore di fake come Liberogiornale. Ecco qui il post con tanto di tasto condividi su Facebook:

Nella serata tra il 14 ed il 15 luglio terribile attentato a Nizza, un camion che è andato a falciare la folla sul lungomare della città dove nacque Garibaldi, e nel frattempo altri terroristi hanno aperto il fuoco, più di 60 i morti confermati.
La presidentessa della camera Laura Boldrini non ha potuto fare altro che intervenire con una delle sue solite uscite, che qui riportiamo:
“Questi attentati sono le prove della discriminazione che il mondo islamico subisce, gli europei non li accettano, si lamentano di tutto, dei 35€ al giorno, delle moschee in costruzione, e non li accettano, non si integrano, continuano a discriminarli.
Questi “terroristi” chiedono solo aiuto e comprensione la colpa è solo nostra che non sappiamo capirli, chiedo scusa a tutto il mondo islamico perché gli abbiamo fatto perdere la speranza.”
Be, noi diciamo basta alla Boldrini, è pazza, se ne deve andare!

Cosa ha detto realmente e davvero la Boldrini su Nizza? Ecco qui:

“Noi e la Francia facciamo parte della stessa famiglia, la famiglia europea”. È quanto ha detto la presidente della Camera Laura Boldrini venuta a porgere le condoglianze all’ambasciata francese per l’attentato di NIZZA. Ieri eravamo all’ambasciata per la festa nazionale francese, ha ricordato, oggi siamo qui per piangere dei morti, “i nostri morti”. Ed è una “tragedia nella tragedia”, ha poi aggiunto – che siano stati colpiti tanti bambini, questo rende l’azione particolarmente scellerata perché era un giorno di festa ed è ripugnante colpire i bambini”.
“Italia e Francia fanno parte della stessa famiglia europea. E nel dolore le famiglie si stringono a sostenere chi soffre di più – ha detto – noi siamo qui per dire che i francesi non sono soli”. “Dobbiamo – ha proseguito la presidente della Camera – essere più uniti come europei, collaborare più strettamente con la polizia, l’intelligence e la giustizia contro questo terribile male”. Serve “una grande alleanza” contro il terrorismo, ha continuato, sottolineando come sia prioritario stabilizzare il Medio Oriente e il Mediterraneo. “Se non stabilizzeremo quest’area – ha avvertito – i paesi più instabili porteranno l’instabilità a casa nostra”. Infine Boldrini ha esortato ad un maggior impegno per fermare la propaganda del terrorismo sul web.

Qualla di Boldrini non è la prima bufala su Nizza. Qui quella dello showman spacciato per terrorista islamico e qui ancora tutti i complotti di chi crede che le morti in Francia non siano vere. Davvero.