Scuola insegnante precaria
|

L’allieva di 13 anni e il bacio con il maestro: «Sarai il primo», «Giuralo»

Un amore “impossibile”. Una ragazzina “bisognosa d’affetto”, dice Il messaggero. E un maestro 50 enne che non riesce a dire di no. Sarebbero questi gli ingredienti di una storia che arriva da Roma, dove un uomo di 50 anni è stato condannato a 3 anni e 8 mesi dopo rito abbreviato, con l’accusa di atti sessuali con una minorenne.

LA STORIA

Il quotidiano romano racconta

Nell’estate 2014 [la 13 enne ndr] ha iniziato a frequentare un istituto privato di arti sceniche. Lui era il docente di musica, di 40 anni più di lei. Quando l’ha conosciuto è rimasta affascinata. Ha iniziato a mandargli qualche timido messaggio sul cellulare.

E ancora

“Ti amo, sono innamorata di te” gli ha scritto un giorno. […] “Ti prometto che sarai il primo”. L’insegnante sapeva che quel rapporto era proibito. Le sue risposte si facevano attendere. Poi però un giorno le ha detto “Giuralo”, e ancora “mi manchi”.

La cosa poi sarebbe sfociato in un incontro quando i genitori della 13 enne sono fuori. Lui citofona e sale, secondo il racconto del Messaggero. E i due si sarebbero baciati. Il fratellino di lei, 11 anni, vede tutto. Ma è solo quando i genitori, andando a prendere la ragazzina a scuola, notato gli sguardi sfuggenti e i sorrisi nascosti, che capiscono. Controllano. E scoprono. Il resto è storia giudiziaria: con l’insegnante che nega tutto, anche di essere stato a casa della ragazza. Ma il gup non ci crede.