Lealtà-Azione
|

Amministrative a Milano, la Lega Nord candida un neofascista di Lealtà-Azione

Lealtà-Azione, un gruppo di estrema destra di ispirazione neofascista, ha candidato un suo esponente alle elezioni amministrative di Milano 2016. Stefano Pavesi è inserito nella lista della Lega Nord per il consiglio di zona 8. Una candidatura che tradisce una promessa di Stefano Parisi per le Comunali 2016, la rinuncia a esponenti del mondo neofascista che gravitano attorno ai partiti di centrodestra, in primis Fratelli d’Italia e anche Lega Nord.

LEALTÀ-AZIONE E IL CANDIDATO A MILANO

L’organizzazione neofascista Lealtà-Azione potrebbe eleggere così Pavesi in uno dei consigli di zona di Milano. Il giovane 25enne, come scrive il sito di Radio Popolare,  milita in questa formazione di estrema destra. Insieme a CasaPound, Lealtà-Azione ha organizzato lo scorso 25 aprile la commemorazione dei caduti della Repubblica sociale italiana, contromanifestazione alla celebrazione della festa della Liberazione dal nazifascismo. Nelle stesse ore Stefano Parisi sfilava insieme alla Brigata Ebraica dichiarando che non avrebbe consentito l’ingresso di militanti di estrema destra nelle liste in suo appoggio. Lealtà-Azione è un’organizzazione dall’evidente matrice neofascista, fiancheggiata da diverse associazioni onlus impegnate in diversi ambiti politici e culturali. Il suo nucleo operativo si trova a Milano.

LEALTÀ-AZIONE, STEFANO PARISI CON LA LEGA NORD

Stefano Pavesi, racconta il sito di Radio Popolare, è uno degli esponenti di maggior spessore di Lealtà-Azione. Il portale dell’emittente racconta come Pavesi abbia partecipato a diverse iniziative pubbliche recenti organizzate dal gruppo di estrema destra così come dalle associazioni vicine. Lo scorso 26 giugno diversi esponenti di centrodestra avevano partecipato alla Festa del Sole, iniziativa di Lealtà-Azione svolta a Rosate, comune che si trova nell’area del Parco Sud di Milano. Tra i relatori della conferenza Quale Domami c’era anche Igor Iezzi, segretario provinciale della Lega Nord. Un segnale d’attenzione del Carroccio salviniano al mondo dell’estrema destra locale confermato dalla candidatura di Stefano Pavesi.

Lealtà-Azione imbarazza Stefano Parisi

Stefano Parisi ha più volte garantito che nelle liste in suo sostegno non ci sarebbero stati neofascisti. Uno dei tanti distinguo posti nei confronti di Matteo Salvini, che da quando è segretario della Lega Nord ha guardato con crescente attenzione al mondo del radicalismo di desta, tanto da aver organizzato diverse manifestazioni con CasaPound. Stefano Pavesi non sostiene direttamente la candidatura di Parisi, ma il collegamento tra liste per le comunali e quelle per i consigli di zona è molto marcato. Il candidato sindaco del centrodestra sicuramente non gradirà la corsa di Pavesi nelle fila della Lega Nord, anche se appare poco probabile che rischi una nuova polemica con Matteo Salvini.