simboli
|

La vera storia dei “simboli pedofili sul web”

Cuori, triangoli e spirali. Sarebbero questi i simboli usati dai pedofili per esprimere le loro preferenze sessuali. E la notizia di queste simbologie sta scatenando il panico oltreoceano. Tutto parte da un allarmante articolo del Daily Mail. Ma cosa c’è di vero sulla simbologia usata dai pedofili sul web?

SIMBOLI PEDOFILI ON LINE: L’ALLARME SUI MEDIA

Il 9 marzo 2016 WFLA ha pubblicato un servizio denunciando i simboli pedofili su alcuni souvenir per bambini commercializzati ad un evento al Florida Monster Jam. L’articolo riporta i toni allarmati di alcuni genitori, le parole dell’organizzatore dell’evento (che non sa come replicare) e i commenti della polizia locale. Un servizio ricco di frasi ad effetto che Snopes (che sbufala l’intero servizio) riporta:

Ecco cosa significa il cuore. Quando un pedofilo vede bambini con il simbolo del cuore è un codice. Significa che questo bambino è pronto per essere scambiato.

Come sottolinea il sito Snopes non si sa come WFLA sia venuto a conoscenza del giocattolo né come abbia collegato l’oggetto alla pedofilia. Il team di debuking ha contattato Anthony Bassone, sceriffo della contea interessata (la Pasco) ed esperto di cybersecurity.

Preti pedofili, il cardinale Pell ammette: «Avrei dovuto fare di più»

SIMBOLI PEDOFILI: IL REPORT FBI

Il simbolo incriminato – ha spiegato Basosne a Snopes – somiglia ad una delle immagini diffuse dalla divisione Cyber dell’Fbi, nel 2007. Si tratta di un report che descrive il linguaggio in rete utilizzato tra i pedofili, con alcuni simboli individuati dalla Federal Bureau Investigation. Oltretutto, del report in questione si parla solo su Wikileaks. Nella pedofilia on line, per commercializzare o diffondere materiale, si usano alcuni codici incoraggiando l’uso di descrizioni. Si tratta di simboli incisi in anelli, bigiotteria e anche “monete” particolari, che vengono “vendute” e scambiate in luogo della merce “vera”, che verrà eventualmente inviata successivamente a casa. Il logo che ha sollevato lo scandalo – spiega Snopes – è il GirlLover. Un piccolo cuore circondato da un cuore più grande, che simboleggia una relazione tra una persona adulta e una minore. Tuttavia, anche se questa tipologia di cuore compare su diverse marche e oggettistica per bambini, non significa che il vostro piccolo sia in pericolo o che sia facilmente individuabile da un pedofilo. Come sottolinea l’esperto il simbolo serve ai criminali per riconoscersi tra di loro.

SIMBOLI PEDOFILI: GLI EFFETTI DELL’ALLARMISMO IN RETE

Basta qualche servizio tv, qualche genitore allarmato e il gioco è fatto. La ditta che ha fornito il camioncino di peluche incriminato alla Florida Monster Jam ha ritirato l’articolo dal mercato. «Tutti i clienti che hanno acquistato questo camion possono contattare il nostro servizio clienti per uno scambio o rimborso», hanno precisato in una nota. Non solo. Nonostante il debuking fatto la psicosi continua. Ora nel mirino c’è persino una nota casa di gelati. Una tesi complottista già usata in Italia qualche anno fa. Disinformazione, allarmismo e investigatori dell’ultima ora. In tutto questo marasma di leggende metropolitane, c’è una cosa da sapere, fondamentale. Spesso il mostro non intercetta i bambini fuori ma da dentro i nuclei familiari. Dati alla mano negli Stati Uniti solo il 10 per cento degli abusi su minori viene commesso da perfetti sconosciuti. La maggioranza dei casi di pedofilia coinvolge membri della famiglia, amici o altri adulti di fiducia. Senza l’uso di giocattoli codificati. Anche in Italia.